• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Leggete in filigrana, accostate il foglio al lume, affinché il limone si riveli. E scorrete ancora e ancora, ogni volta lo sguardo più destro.
Scatenate coltelli giapponesi, sfilettate le lamelle dei ricordi; se, come me, non sapete trifolare, ingollatele crude, è anche più efficace.
Il dettaglio si dilata solo con l’inclemente frammentare, allora davvero scuoia come napalm. Va bene così.
Sempre sia livido nitore di neon, luci, candele; ci vorrebbe la lampada scialitica della sala operatoria, difficile disporne, ma se l’avete conosciuta, è buona cosa evocarla.
Incedete a ritroso, con impiombata lentezza. Rivoltate il sudario del letto, lasciate quel guscio di casa e, con andatura da gasteropodo, «calcate i vecchi passi, sulle strade che vi han visti già a occhi bassi».
Poi, superatevi. Tornate, con i piedi o con la mente, dove avete rovesciato la testa nel riso di onnipotenza. Serrate le palpebre nel sole più salvifico e anche questo chiarore, leggetelo in filigrana.
Consegnatevi alle acque favorite, al vento dell’aliscafo, alla voce accesa, al foulard legato tra i capelli, al corallo di Sciacca giù dal lobo, al sandalo dondolante.
Osservatevi nell’alba, dopo l’ora sospesa e quella del congedo, con l’accappatoio bianco su un terrazzo sconosciuto.
Disseppellitele dallo stipo e fatele volteggiare, d’ottone o digitali, le chiavi di stanze e dimore per sempre negate.
Sbranate quel che vi ha reso felici, vivi, senza traccheggiare: nessun osso fuori di bocca. Cucite patchwork di bellezza e armonia svanite, sappiate i colori, ma anche il loro non ritorno.
Rovistate, perlustrate.
Fatevi filologi, esegeti, levatrici, rabdomanti, palombari. Nessuna memoria risparmiata, nessuna parola sospesa. Che i corvi vi becchino gli occhi, gli spini vi scarnifichino le grinze delle mani. Cercateli e benediteli.
È una gran mistificazione, un neurolettico, che l’arte di perdere s’impari. Ma il dolore lo freghi solo sbrigliandolo, confezionandogli – bestia volubile e narcisa – la lusinga di spadroneggiare.

Commenta su Facebook!

Dieci passi in Ellerì
Smile Sorridi
Suffragette: in lotta per i diritti di tutte le donne

Suffragette: in lotta per i diritti di tutte le donne

scritto da Andreina Swich e Costanza Firrao

Assenze
In the Chelsea Hotel

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design