• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Mariella Mehr, Mai è stata primavera
Mariella Mehr foto di Dino Ignani

 

Niente,

nessun luogo.

C’è ancora rumore

di sventura nella testa,

e sulla mappa del cielo

io non sono presente.

 

Mai è stata primavera,

sussurrano le voci di cenere,

sulla bilancia del linguaggio

sono una parola senza peso

e trafiggo il tempo

con occhi armati.

 

Futuro?

Non assolve

me, nata sghemba.

Vieni, dice,

la morte è un ciglio

sulla palpebra della luce.

 

 

Mariella Mehr letta da Anna Toscano

 

 

Quale è il luogo, quale è il tempo in questa poesia, nella poesia, nella scrittura di Mariella Mehr. Non vi è un luogo se non all’interno della testa, un luogo privato e intimo che tenta di preservarsi dopo le molte e brutali incursioni. Non vi è un tempo, non vi è mai stato un rinascere, una primavera, in quanto anche il nascere è stato arduo, così come il vivere, e l’essere ancora viva. Il futuro chiama, piccola cosa tra la luce, la morte chiama con voce che si fa sentire. Cosa è essere nati sghembi se non vivere con occhi armati che trafiggono presente, passato e futuro, occhi che difendono e proteggono da ciò che hanno visto, da ciò che non vogliono più vedere. Il dolore è la sorgente della scrittura di Mehr, quel dolore implacabile che si portano addosso i perseguitati, e si incrementa attraverso l’autrice sopravvissuta e attraverso la bambina ferita. Portata via alla madre, affidata a famiglie e istituzioni, sottrattole il figlio, ha conosciuto carcere e ospedali psichiatrici, il tutto in nome di un programma eugenetico del governo svizzero applicato alle famiglia nomadi. La letteratura come ancora di salvezza, seppur nella devastazione subita, l’unico modo per aggrapparsi a un mondo vivo e salvifico: parole che possono narrare usando il tempo che l’autrice vorrebbe annientare. Il tempo, come la speranza, è ciò contro cui combatte con le parole, per commutarne la parcellizzazione causata da angoscia e depressione in uno svolgimento, in una continuità, in un poter esser prima e dopo e durante in una totalità. La speranza stessa, come il tempo, ricorre nella sua poesia, per esser negata e per essere sperata. La luce spesso compare tra i versi, la luce che scandisce il tempo e al contempo lo cuce in giorni. Ma altrettanto spesso è luce che non cuce, che non rimargina il tempo, ma lascia “ognuno incatenato / alla sua ora”. A ogni suo testo Mehr si inventa, si crea e nasce da una tradizione e da radici che non ha, a ogni lirica si partorisce con il dolore e la speranza di vedere la luce. Mehr è la poesia del travaglio di una donna spezzata.

:

Mariella Mehr, Ognuno incatenato alla sua ora, Giulio Einaudi Editore, 2014, ISBN 9788806208523, traduzione di Anna Ruchat

Commenta su Facebook!

Dieci passi in Ellerì
Un amore di tenente

Un amore di tenente

scritto da Andrea Lupi

Favole Quotidiane

Favole Quotidiane

scritto da Alkistis-Irene Wechsler

Merce avariata
Nascita

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design