• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Non tutti sono adatti alle conversazioni casuali, quelle da sala d’aspetto del medico, o da banchina del treno o da vicino d’ombrellone.
Io per esempio non lo sono.
Mi accorgo che mi prende male quando la mamma dice alla bimba: «Attenta, non ti bagnare i capelli facendo il bagno» o quando le amiche si dilungano un’ora sul trucco smokey, o quando il gruppetto di pensionati si lamenta delle mogli che vogliono scambiare una parola una che non riguardi il calcio. Mi viene da sbadigliare.
O da svuotargli il bicchiere in faccia. Mi viene da alzarmi in piedi e dirgli: «BASTA! Ma che dite?!»
O da malmenare brutalmente i malcapitati.
Invece mi isolo, metto le cuffiette, leggo l’etichetta dei farmaci o la scadenza degli estintori, conto le righe che girano intorno all’ombrellone.
E non lo faccio per questione d’età o di cultura o di alterigia.
È più una questione di saggezza: meglio tenere le mani a freno, non cedere agli eccessi d’ira e restare nei limiti del codice penale.
Meglio uno sganassone in meno e un “Ohmmmm” in più.
E soprattutto, di fronte al conversatore casuale, mantengo l’aplomb tipico dell’ebete: due mezzi sorrisi di circostanza alternati a un «Eh, già».

 

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design