• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Chi non ha immaginato una conversazione col Padreterno? Credo che tutti, credenti e non, abbiano avuto più di una volta nella vita la voglia di dirgli qualcosa, fossero rimproveri o maledizioni, domande o recriminazioni.
Nel bellissimo pezzo teatrale “Oh Dio mio” di Anat Gov invece la situazione è paradossalmente rovesciata: è proprio il Creatore a presentarsi a una psicologa per chiederle di fare una seduta urgente.
Ha molti affanni sul cuore questo sconosciuto, una oppressione che non sa risolvere, quasi stanco, si sente incompreso e frustrato proprio dalla sua creatura più prestigiosa, l’essere umano. Insiste per essere ricevuto fuori orario.
La psicologa ha un figlio autistico cui badare, oltre al suo lavoro impegnativo e non ha voglia di burle. Pur nel rispetto dei problemi dei suoi pazienti questo signore le sembra che esageri.
Il signor D. dichiara di avere migliaia di anni e di essere orfano, non ci sono madri o padri quindi, cui rifarsi per capire questo forte disagio. Che stranezza. Ella (il nome della donna significa quercia) cede e la conversazione prende il via.
Non è possibile raccontare di più di questo breve testo spassoso, arguto, estremamente intelligente.
Si ride mentre si legge e naturalmente si riflette; ci si pone domande, noi umani più o meno coinvolti dalla fede, ma sicuramente protagonisti della nostra epoca storica così controversa. E scopriamo cosa significhi il delirio di onnipotenza rovesciando il punto di vista nel momento in cui questo passa da Dio all’uomo.
Lo scambio di vedute tra i due protagonisti è un vero piccolo capolavoro di botta e risposta serrato e incalzante, di sfide e di provocazioni continue e di rimbalzi ben dominati dalla professionista, che frena gli impeti e gli sgambetti del paziente, altrettanto abile nel proporre i suoi argomenti.
Umorismo yiddish e nello stesso tempo analisi teologica, dove lo scambio di vedute tra l’uomo e Dio avviene alla pari, su binari umani, con un tocco finale, un colpo da maestro forse per ristabilire i ruoli o, chissà, forse solo per riconoscenza. Ogni lettore darà la sua risposta.
Anat Gov, autrice israeliana di testi brillanti è scomparsa pochi anni fa.
“Oh Dio mio” uscito in Israele nel 2008, è stato rappresentato a teatro in Italia prima ancora che la casa editrice Giuntina lo mettesse in catalogo, nel 2016. Ottima la traduzione che mantiene ritmo, tensione e ironia delle poche pagine perfette. Una lettura da non perdere e da regalare.

Anat Gov – Oh Dio mio – edizioni Giuntina 2016. Traduzione di Enrico Luttmann e Pino Tierno.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design