• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Orban toglie la statua di Lukács
Il filosofo ungherese György Lukács

Il governo ungherese di Orban ha deciso di rimuovere la statua del filosofo ungherese hegelo-marxista György Lukács. La statua, situata presso il parco Szent István, sarà rimossa perché – si dice – il marxismo del pensatore ebreo Lukács non è propriamente gradito al governo di Orban.Un’altra scemenza che impoverisce la Ungheria (già povera di per sé) della sua migliore cultura.
Lukàcs è uno dei maggiori pensatori del XX secolo. Il suo marxismo deriva da uno studio profondo di Hegel e dalla critica acuta della ‘ideologia tedesca’. Opere come la ‘Ontologia dell’essere sociale’ e come la monumentale ‘Estetica’ sono capitoli di estrema importanza della riflessione filosofica contemporanea. Un altro libro fondamentale è la sua discussa ma imprescindibile ‘Distruzione della ragione’ . Ne ‘la distruzione della ragione’ si spiegano inconfutabilmente le radici spirituali dell’hitlerismo con la parabola della ‘ideologia tedesca’ del XIX secolo. La difesa della ‘ragione dialettica’ (lo storicisimo hegeliano e il materialismo storico marxista) contro tutte le forme di irrazionalismo (da Schelling a Schopenhauer al suo nipotino Nietzsche et similia) è una conclusione difficilmente contestabile sul piano teoretico (solo Benedetto Croce gli può tenere testa, ma su una analoga linea di pensiero).
Le conclusioni politico-ideologiche del libro (l’atto di fede nel socialismo sovietico e la condanna dell’imperialismo americano, erede ideologico dell’ irrazionalismo filosofico) erano inaccettabili. Ma anche queste riflessioni, restano relativamente discutibili. Lukàcs, cominciò a scrivere il libro nel 1934, in piena ascesa di Hitler e di Stalin, quando non c’era grande spazio per la libertà di scelta. Se non ricordo male lo terminò e pubblicò nel dopoguerra allo scopo di rivalutare Hegel (la sua dialettica come storicità) a correzione del ‘materialismo dialettico’ vigente in Urss.
La sua opera infatti non fu tanto celebrata in epoca staliniana, per quanto apparisse e venisse presentata in Occidente come suo panegirico. E’ dunque opera complessa a più facce, da leggere e meditare con attenzione perché molti giudizi e analisi di pensiero sono più che penetranti. Non impiccherei Lukàcs al suo passato politico così come non lo farei perfino per quel veggente e mistagogo di Heidegger, eccetera..

La statua di György Lukács nel parco Szent István a Budapest
La statua di György Lukács nel parco Szent István a Budapest

Commenta su Facebook!

Dieci passi in Ellerì
Un’altra Storia

Un’altra Storia

scritto da Alkistis-Irene Wechsler

Uomini e peli
Moda
Solo in Italia

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design