• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Solo parole esatte
Cerca nei titoli
Cerca nel contenuto
Search in comments
Cerca nei riassunti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Search in groups
Search in users
Search in forums
Filter by Custom Post Type
Filtra per categorie
Poesia
Venerdì in versi
Critica poetica
Emily Dickinson
Costumi
Manuale di sopravvivenza
Amore ma anche no
Cucina Intelligente
Viaggi
Sesso sesso
Attualità
Società
MediaWeb
Polis
Sport
Scienza
Editoriale
Scritture
Racconti
In 10 righe
Pensieri Letterari
Storia
Cultura
Cinema
Libri
Musica
Arte Arti
Teatro
Fotografia
La Redazione
Concorso letterario ellerì
Senza categoria
Immagini
{ "homeurl": "http://www.larivistaintelligente.it/", "resultstype": "vertical", "resultsposition": "block", "itemscount": 4, "imagewidth": 70, "imageheight": 70, "resultitemheight": "auto", "showauthor": 1, "showdate": 0, "showdescription": 1, "charcount": 2, "noresultstext": "Nessun risultato!", "didyoumeantext": " Forse intendevi?", "defaultImage": "http://www.larivistaintelligente.it/wp-content/plugins/ajax-search-pro/img/default.jpg", "highlight": 1, "highlightwholewords": 1, "openToBlank": 0, "scrollToResults": 1, "resultareaclickable": 1, "autocomplete": { "enabled": 1, "googleOnly": 0, "lang": "it" }, "triggerontype": 1, "triggeronclick": 1, "triggeronreturn": 1, "triggerOnFacetChange": 1, "overridewpdefault": 1, "redirectonclick": 0, "redirectClickTo": "results_page", "redirect_on_enter": 0, "redirectEnterTo": "results_page", "redirect_url": "?s={phrase}", "more_redirect_url": "?s={phrase}", "settingsimagepos": "left", "settingsVisible": 0, "hresultanimation": "bounceIn", "vresultanimation": "rollIn", "hresulthidedesc": "1", "prescontainerheight": "400px", "pshowsubtitle": "0", "pshowdesc": "1", "closeOnDocClick": 1, "iifNoImage": "description", "iiRows": 2, "iitemsWidth": 1100, "iitemsHeight": 400, "iishowOverlay": 1, "iiblurOverlay": 1, "iihideContent": 1, "iianimation": "bounceIn", "analytics": 0, "analyticsString": "", "aapl": { "on_click": 0, "on_magnifier": 0, "on_enter": 0, "on_typing": 0 }, "compact": { "enabled": 0, "width": "100%", "closeOnMagnifier": 1, "closeOnDocument": 0, "position": "static" } }
Ospite o Nemico?
Immagine dell'Autore

Quando Ulisse naufragò nella terra dei Feaci si chiese :
“… povero me, alla terra di quali
uomini sono arrivato? Sono forse
violenti, selvaggi e senza giustizia,
o sono ospitali e nella mente hanno
il rispetto degli Dei?” (Odissea – 6, 119-121)

Didone accolse Enea ed i compagni di sventura con queste parole:
Conscia dei mali, ho imparato a venire in aiuto agli infelici.” (Virgilio Aen. 1, 630).

Nel Vangelo di Matteo si legge: “Ero straniero e mi avete accolto“. (Matteo 25, 35)

Nel 1827 Giacomo Leopardi, nello Zibaldone, ebbe modo di osservare che i moderni, riguardo all’ospitalità, erano ben diversi dagli antichi che la esercitavano “con tanto scrupolo, e protetta da tanto severe leggi, opinioni religiose…”.

In un articolo* a cura di Angela Frati e Stefania Iannizzotto della redazione dell’accademia della Crusca, viene approfondito il significato della parola ospite.
Il termine deriva dal latino hospes ed ha un duplice significato: ospitare ed essere ospitato (come è del resto ancora oggi nella lingua italiana). Tra chi accoglie e chi viene accolto si instaurano rapporti molto stretti tanto che “la reciprocità del patto di ospitalità è all’origine del doppio significato della parola”.
Hospes, come chiarisce il dizionario etimologico di Nocentini, ” rimanda all’indoeuropeo ghos(ti)-potis ‘signore dello straniero’ cioè il padrone di casa che esercitava il diritto di ospitalità nei confronti del forestiero”, ghostis “straniero”, potis “signore”.
La parola hostis nel latino delle XII tavole ha il significato arcaico di “straniero”.
Subisce però nel corso del tempo uno slittamento di significato da straniero a nemico, quando nell’antica Roma subentrarono “le relazioni di esclusione ed inclusione dalla civitas”.
Cicerone nel De officis scrive:” infatti i nostri antenati chiamavano hostis quello che noi oggi chiamiamo peregrinus (forestiero)”.
Hostis dà dunque origine sia alla parola “ostile” sia alla parola “ospite”.
Rispettare il tacito patto di reciprocità all’origine della parola, implica che si onori l’ospite e che la persona ospitata mostri riconoscenza, se non può ricambiare l’ospitalità ricevuta: chi tradisce la fiducia, genera danni o violenze, diventa un nemico.
La guerra di Troia, emblema di tutte le guerre, fu la conseguenza di un’ospitalità infranta.
Un monito su cui ancora oggi riflettere.

* Angela Frati e Stefania Iannizzotto, Chi è effettivamente l’ospite http://www.accademiadellacrusca.it/it/lingua-italiana/consulenza-linguistica/domande-risposte/chi-effettivamente-l-ospite

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design