• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Solo parole esatte
Cerca nei titoli
Cerca nel contenuto
Search in comments
Cerca nei riassunti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Search in groups
Search in users
Search in forums
Filter by Custom Post Type
Filtra per categorie
Poesia
Venerdì in versi
Critica poetica
Emily Dickinson
Costumi
Manuale di sopravvivenza
Amore ma anche no
Cucina Intelligente
Viaggi
Sesso sesso
Attualità
Società
MediaWeb
Polis
Sport
Scienza
Editoriale
Scritture
Racconti
In 10 righe
Pensieri Letterari
Storia
Cultura
Cinema
Libri
Musica
Arte Arti
Teatro
Fotografia
La Redazione
Concorso letterario ellerì
Senza categoria
Immagini
{ "homeurl": "http://www.larivistaintelligente.it/", "resultstype": "vertical", "resultsposition": "block", "itemscount": 4, "imagewidth": 70, "imageheight": 70, "resultitemheight": "auto", "showauthor": 1, "showdate": 0, "showdescription": 1, "charcount": 2, "noresultstext": "Nessun risultato!", "didyoumeantext": " Forse intendevi?", "defaultImage": "http://www.larivistaintelligente.it/wp-content/plugins/ajax-search-pro/img/default.jpg", "highlight": 1, "highlightwholewords": 1, "openToBlank": 0, "scrollToResults": 1, "resultareaclickable": 1, "autocomplete": { "enabled": 1, "googleOnly": 0, "lang": "it" }, "triggerontype": 1, "triggeronclick": 1, "triggeronreturn": 1, "triggerOnFacetChange": 1, "overridewpdefault": 1, "redirectonclick": 0, "redirectClickTo": "results_page", "redirect_on_enter": 0, "redirectEnterTo": "results_page", "redirect_url": "?s={phrase}", "more_redirect_url": "?s={phrase}", "settingsimagepos": "left", "settingsVisible": 0, "hresultanimation": "bounceIn", "vresultanimation": "rollIn", "hresulthidedesc": "1", "prescontainerheight": "400px", "pshowsubtitle": "0", "pshowdesc": "1", "closeOnDocClick": 1, "iifNoImage": "description", "iiRows": 2, "iitemsWidth": 1100, "iitemsHeight": 400, "iishowOverlay": 1, "iiblurOverlay": 1, "iihideContent": 1, "iianimation": "bounceIn", "analytics": 0, "analyticsString": "", "aapl": { "on_click": 0, "on_magnifier": 0, "on_enter": 0, "on_typing": 0 }, "compact": { "enabled": 0, "width": "100%", "closeOnMagnifier": 1, "closeOnDocument": 0, "position": "static" } }
Polaroid del ricordo, Italo Calvino
Polaroid del ricordo, Italo Calvino

Ho sempre pensato che di un libro resti un’immagine. Nel senso di una polaroid stampata nel cervello che ogni qualvolta pensiamo a quel libro quella è l’immagine che torna subito alla memoria. L’immagine di tanti volti di adolescenti è per me quella di “Se una notte d’inverno un viaggiatore” di Italo Calvino. Non ricordo nemmeno più la prima volta che l’ho letto, ma ciò che mi riporta a lui oggi sono tanti volti e tante espressioni che in questi anni mi accompagnano, volti ed espressioni di studenti delle scuole superiori a cui vado a raccontare storie di libri. Faccio parte dei “Piccoli maestri”, un gruppo di scrittori che mette a disposizione il proprio tempo per raccontare libri nelle scuole, e quando ho proposto questo titolo mi son sentita folle, folle perché sembrerebbe un libro irraccontabile e quale docente lo sceglierebbe? E invece, ogni anno un certo numero di insegnanti opta per “Se una notte d’Inverno”, e io ogni anno rileggo per l’ennesima volta questo libro per prepararmi, scoprendolo e sottolineandolo sempre come se fosse la prima volta. E ammetto che quando che mi accingo a entrare in classe mi domando “Come la scamperò questa volta?”. Ponko e Gritzvi, Zwida e Ludmill, Lotaria e Bernadette interesseranno ancora a qualcuno? La disquisizione iniziale su come leggete, in quale posizione con quale luce, dove mettete i piedi, la luce e i cuscini, accalappierà ancora qualcuno? La lettura dei libri, dei luoghi, delle cose e dei corpi interessa? Il piacere di leggere lo provano? Lo proveranno? Poi, ogni volta, sui loro volti obbligati all’ascolto si fa strada l’idea della dissacrazione, dell’andare contro un canone, del tutto diverso anche all’interno di un classico letterario, che tutto si può fare ma a modo proprio: eccola la motivazione che cambia i volti, il nodo che accosta la parola scritta alla persona e viceversa, in un’età in cui il mondo dei grandi è altro e noioso con le sue regole. Se una notte d’inverno un viaggiatore” è la fame di presente, futuro e passato, la fame di storie, perché “leggere è andare incontro a qualcosa che sta per essere e ancora nessuno sa cosa sarà…”.

__

Polaroid, Goliarda Sapienza

Polaroid, Simone De Beauvoir

Polaroid, Janet Frame

Polaroid, Jeanette Winterson

Polaroid, John Berger

Polaroid, Jonathan Coe

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design