• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Solo parole esatte
Cerca nei titoli
Cerca nel contenuto
Search in comments
Cerca nei riassunti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Search in groups
Search in users
Search in forums
Filter by Custom Post Type
Filtra per categorie
Poesia
Venerdì in versi
Critica poetica
Emily Dickinson
Costumi
Manuale di sopravvivenza
Amore ma anche no
Cucina Intelligente
Viaggi
Sesso sesso
Attualità
Società
MediaWeb
Polis
Sport
Scienza
Editoriale
Scritture
Racconti
In 10 righe
Pensieri Letterari
Storia
Cultura
Cinema
Libri
Musica
Arte Arti
Teatro
Fotografia
La Redazione
Concorso letterario ellerì
Senza categoria
Immagini
{ "homeurl": "http://www.larivistaintelligente.it/", "resultstype": "vertical", "resultsposition": "block", "itemscount": 4, "imagewidth": 70, "imageheight": 70, "resultitemheight": "auto", "showauthor": 1, "showdate": 0, "showdescription": 1, "charcount": 2, "noresultstext": "Nessun risultato!", "didyoumeantext": " Forse intendevi?", "defaultImage": "http://www.larivistaintelligente.it/wp-content/plugins/ajax-search-pro/img/default.jpg", "highlight": 1, "highlightwholewords": 1, "openToBlank": 0, "scrollToResults": 1, "resultareaclickable": 1, "autocomplete": { "enabled": 1, "googleOnly": 0, "lang": "it" }, "triggerontype": 1, "triggeronclick": 1, "triggeronreturn": 1, "triggerOnFacetChange": 1, "overridewpdefault": 1, "redirectonclick": 0, "redirectClickTo": "results_page", "redirect_on_enter": 0, "redirectEnterTo": "results_page", "redirect_url": "?s={phrase}", "more_redirect_url": "?s={phrase}", "settingsimagepos": "left", "settingsVisible": 0, "hresultanimation": "bounceIn", "vresultanimation": "rollIn", "hresulthidedesc": "1", "prescontainerheight": "400px", "pshowsubtitle": "0", "pshowdesc": "1", "closeOnDocClick": 1, "iifNoImage": "description", "iiRows": 2, "iitemsWidth": 1100, "iitemsHeight": 400, "iishowOverlay": 1, "iiblurOverlay": 1, "iihideContent": 1, "iianimation": "bounceIn", "analytics": 0, "analyticsString": "", "aapl": { "on_click": 0, "on_magnifier": 0, "on_enter": 0, "on_typing": 0 }, "compact": { "enabled": 0, "width": "100%", "closeOnMagnifier": 1, "closeOnDocument": 0, "position": "static" } }

Dei libri che ho amato mi rimane nella memoria un’immagine, una polaroid del ricordo. Un cassetto del comò mal chiuso da cui si vedono assorbenti igienici arrotolati è l’immagine che ho di Un angelo alla mia tavola, di Janet Frame. La data che ho appuntato sulla prima pagina del libro dice giugno ‘97. L’ho letto sulle panchine rosse di legno – segno di civiltà ora scomparso – nelle ore di pausa pranzo, quando lavoravo come commessa in una libreria veneziana negli anni dopo la laurea. Un angelo alla mia tavola è un’autobiografia salutare per tutte quelle ragazze incerte tra quello che si è e quello che gli altri vorrebbero si fosse. E l’immagine del cassetto del comò, nella stanza che la giovane Janet occupa mentre insegna in una scuola d’infanzia, condensa la sensazione di inadeguatezza e di difficoltà di chi non trova la sua vita in mezzo agli obblighi e alle convenzioni. Autobiografia e romanzo di formazione: un’infanzia e un’adolescenza povere ma felici sui libri, crescere e trovare impossibile omologarsi, poi l’esistenza rovinata dal manicomio e dagli elettroshock. Ma Janet non si spezza: la letteratura, la poesia, la salva e la fa diventare una donna adulta che vuol far luce su quello che è stato e affronta il passato con uno psichiatra alla ricerca della verità a cui lei vuole guardare in faccia. E la verità sulla sua schizofrenia la rivela il medico sostenendo che avessi davvero bisogno di scrivere, che fosse per me un modo di vivere […] Riguardo all’esortazione che da tutta la vita mi rivolgevano gli altri di «uscire e mescolarmi alla gente», il dottore fu chiaro: la sua prescrizione per la mia vita ideale era che vivessi da sola e scrivessi resistendo, se lo desideravo, alle richieste degli altri di «unirmi a loro».
In altre parole, dal meraviglioso adattamento cinematografico che ne fece Jane Champion nel 1990, se non ha voglia di socializzare, non socializzi.

 

Polaroid, Simone De Beauvoir

Polaroid, Goliarda Sapienza

Polaroid, Jeanette Winterson

Polaroid, John Berger

Polaroid Jonathan Coe

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design