• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Post-verità e Snotizie
Immagine di Stefano Navarrini

“Il suddito ideale del regime totalitario non è il nazista convinto o il comunista convinto, ma l’individuo per il quale la distinzione fra realtà e finzione, fra vero e falso non esiste più.” (Hannah Arendt)

No, Post-verità (o post truth), non è un neologismo alla moda di cui ridere tra intelligenti – eh, no, non è il sinonimo chic di bufala. E’ un enorme strumento comunicativo che esiste davvero, si diffonde come un virus e serve a distruggere libertà e democrazia.Ha origini millenarie, ma ora usa strumenti sofisticatissimi che continuamente si affinano, in mano a informatici di avanguardia.
La velocità di affinamento tecnologico è ora diventata più rapida della capacità umana nel rendersi conto di venir presi per il naso. L’effetto è che, alle bugie più schifide, viene attribuita dagli utenti la medesima dignità che alle semplici verità. E molta, molta gente le beve a garganella. Sul web viviamo in un dopo verità generalizzato – anche perché quasi nessuno si prende mai la briga di andare a controllare la fonte delle Snotizie.
Chi produce Snotizie sa che un’alta percentuale di utenti ci crede e le diffonde – perché è già predisposto di suo – perché è idiota – perché è ignorante – perché odia tutti, perché è malvagio, di suo.
Verità e bugie sono opinioni e basta, qui sul web, equivalenti in credibilità. Ma le bufale valgono molto più delle notizie, perché sono più eccitanti; si beccano più lettori, più visite, più clic, più mi piace, più soldi – perché l’urlo, l’insulto, la diffamazione, l’odio e la calunnia sono tremendamente “sexy”, attraenti, stimolanti per la rabbia umana.
Correttezza e sincerità, poverette, noiose e grigie, non fanno notizia. Sul loro sfondo sfocato e comune, accade che il delirio maligno e l’osceno risaltino come neri diamanti, ipnotizzandoci. A cascare nella post-verità ci si sente più furbi, ci si crede più informati, gratificati e convinti di conoscere segreti che il “potere” nasconde. E non si sa di essere in mano a un potere occulto che disprezza democrazia e libertà.
Ai “Protocolli dei Savi di Sion”, creati dalla polizia segreta dello zar ai primi del Novecento e che diffondevano sanguinarie menzogne contro gli ebrei, molti hanno creduto in tutta Europa. E ancora non c’era internet.
“Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità”; così disse qualche decennio dopo Goebbels, il maestro della bugia ripetuta, del magico fascino del male nella comunicazione. Fu il primo politico a comprendere la potenza dell’informazione e a utilizzarla per la costruzione del Terzo Reich; ha usato menzogne e calunnie, ha instillato odio e paura, senza freni né pietà.
La Post-verità è sempre esistita, con le sue Snotizie ha sempre cambiato i cervelli un po’ mollicci, si è sempre infilata nei cuori più sporchi. Adesso che ha strumenti migliori riesce a vincere elezioni.Soluzione? Divieti, censure? Beh, sanzionare la diffusione di notizie false e tendenziose e atte a turbare l’ordine pubblico mi pare ragionevole. Ma, soprattutto, vorrei che, come l’umanità ha appreso, nei millenni, a usare i nuovi strumenti che essa stessa ha creato, dal linguaggio alla scrittura, alla stampa, al telefono, alla tv, così auspico che si sbrigasse a imparare a leggere il web con il senso critico che madre Natura ha messo, come optional, nel nostro grosso cervello. C’è poco tempo.

https://en.oxforddictionaries.com/word-of-the-year/word-of-the-year-2016

http://www.linkiesta.it/it/article/2016/12/03/cose-la-post-verita-risponde-la-crusca/32605/

http://www.internazionale.it/opinione/laurie-penny/2017/01/12/epoca-post-verita

5 letture per resistere alla post-verità

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design