• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Quattro amanti Quasi cinque
Immagine di Aglaja

Quattro amanti Quasi cinque

scritto da Giorgio Vanni

Mi capita spesso, per lavoro, di pranzare in una trattoria a Garbatella. Qualcuno a volte suona. Oggi quattro ragazzi cantano “a cappella” blues e progressive. Bravissimi; e poi tanta gioventù e bellezza.
Le ragazze sono una eritrea e l’altra nordica, come i ragazzi. Mentre ballano cantando come solo i giovani possono fare, quelle chiome ricce e corvine o lisce e bionde si fondono e si separano per miscelarsi ancora. Quei corpi, persa l’asprezza dell’adolescenza, ricordano gazzelle e felini. Aggraziati e magici, scattanti e sensuali. Gli occhi, chiarissimi come acquemarine o neri come la notte, stregano noi spettatori. Vederli e ascoltarli è felicità.
Vocalizzo con loro “Eclipse” dei Pink Floyd. Cantare è come andare in bicicletta: se impari non lo dimentichi e la mia voce bassa, roca e nera, si contrappone alle loro, celestiali. Ma non è dissonante, anzi. Se ne accorsero e alla prima pausa siedono al mio tavolo. Primi approcci e comunichiamo già come vecchi amici. Riscopro in loro me stesso.
Dopo ci vediamo fuori. Una scusa inventata per il lavoro e siamo in un giardino. Sentirsi, annusarsi, toccarsi e scoprirsi sempre più simili. Stesse anime. Uguale il disgusto per ciò che ci circonda e per l’odio onnipresente. Uguale la speranza, flebile, in un mondo d’amore e d’armonia distante anni luce ma che deve esserci. Estranei, stranieri, emarginati da tutto o quasi tutti.
Posso essere loro padre ma l’idea non ci sfiora perché viaggiamo oltre le barriere spazio/tempo, tra le nuvole. Da tre anni vivono insieme e fanno sesso. Insieme, separati, maschi e femmine, oltre le falsità, il possesso, la gelosia. E questo non scalfìsce d’un millimetro la certezza di aver trovato persone pure e limpide come tutti dovremmo essere. Come dovrei essere. Trasudavano amore.
Si è fatto buio. Dobbiamo lasciarci. Il destino ci ha fatto incontrare, a lui la scelta del rivederci. Ci abbracciamo. Le ragazze vogliono la mia bocca e mi stringono a loro. I corpi aderiscono fondendosi per crearne uno solo. Le lingue si cercano e si trovano avvinghiandosi in un bacio infinito che mi rapisce. Tocca ai ragazzi e mi ritraggo. Lo voglio, ne sono attratto ma mi spaventa. Maledette sovrastrutture. Mi accarezzano per consolarmi.
No. La falsità non può vincere. Il sesso non c’entra nulla; è amore. Allora li abbraccio e bacio i ragazzi come le ragazze avevano fatto con me. E le sensazioni di intensa soddisfazione e beatitudine sono le stesse. Ci rotoliamo nell’erba umida giocando come cuccioli. Poi ci salutiamo baciandoci e stringendoci ancora, commossi. Non so se li rivedrò ancora ma ho la certezza di aver incontrato l’umanità del futuro. E a noi ci resta questo odioso presente. E le nostre ipocrisie.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design