• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Se a Parigi vi capita di passare nel XVII arrondissement, dietro Montmartre, accanto al verde del cimitero omonimo, tra le grandi Avenues di St.Ouen e di Clichy, non mancate di sostare presso la stazione del metro intitolata a Guy Moquet, sulla omonima via, senza porvi la classica domanda: “chi era costui?”
Era un eroico giovane parigino di diciassette anni, attivista comunista, fucilato assieme ad altri ventisette prigionieri politici del campo di Châteaubriant in rappresaglia per l’attentato ad un ufficiale tedesco. Era il figlio di un ferroviere, deputato comunista, deportato in Algeria dal 1939. Moquet frequentava il Liceo Carnot, dove conobbe il giovane Gilles Deleuze, divenuto poi celebre filosofo della postmodernità.
Dopo l’occupazione tedesca, Guy iniziò l’attività clandestina ma il 13 Ottobre 1940 venne arrestato davanti alla stazione del metro Paris Est, picchiato e torturato dalla polizia francese, e infine tradotto al campo di Châteaubriant.
Un anno dopo, 20 Ottobre 1941, a Nantes i ‘francs tireurs’ uccisero il comandante tedesco Karl Hotz. Per la rappresaglia richiesta dai tedeschi vennero scelti cinquanta prigionieri politici, quasi tutti comunisti, per decisione del ministro petainista Pucheu. Due giorni dopo, Guy Moquet sarà fucilato, rifiutando, come gli altri compagni, di avere gli occhi bendati per la esecuzione.
Poco prima, aveva scritto una lettera alla famiglia:”« […] Sto per morire! Quello che vi chiedo, a te in particolare, mamma, è di essere coraggiosi. Io lo sono, e voglio esserlo tanto quanto quelli che sono passati prima di me. Certo, avrei preferito vivere. Ma quello che spero con tutto il cuore, è che la mia morte serva a qualcosa. Papà, perdonami se ti ho fatto arrabbiare; ti saluto un’ultima volta. Sappi che ho fatto del mio meglio per seguire la strada che mi hai indicato. Un ultimo addio a tutti i miei amici e a mio fratello che amo tanto. Che studi molto, per poter diventare un uomo.17 anni e mezzo! La mia vita è stata così breve! Ma il mio unico rimpianto è quello di dovervi lasciare […] ».
“Che la mia morte possa servire a qualcosa” recita la scritta commemorativa nella stazione del metro intitolata al suo nome situata nel XVII arrondissement. Se passate da quelle parti, non dimenticatelo.

metro

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design