• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

L’Asino
Drammaturgia di strada attorno all’ideale

ENSEMBLE Lodi Edizioni
Collana Oltre il Teatro

Francesco Acerbis: fotografie
Francesco Suardi: testi

Tu sei in una libreria caffè. Si chiama Gogol, in via Savona, a Milano. Appollaiata su una piccola balconata, ti pencoli sulla presentazione di un libro. Fotografi col cellulare la situazione, dall’alto. Due uomini attraenti stanno presentando il loro libro che contiene fotografie di uno spettacolo di strada, ma non scattate durante lo spettacolo, col pubblico intorno. E il libro stesso di cui si parla contiene testi che non fanno parte dello spettacolo, ma sono ispirati alle fotografie.

Dall’alto della tua postazione, produci mediocri fotografie a colori, che illustrano la proiezione di splendide fotografie in b/n, che a loro volta alludono ad uno spettacolo che non hai visto e di cui non hai la minima idea. Se questa non è metafotografia, mi mangio il telefonino. E’ anche metateatro.

Eppure è un’esperienza bellissima. Intanto, per aver scattato nella tua precedente vita di fotografa parecchie foto di scena, ricordi benissimo il senso di frustrazione che ti davano la subalternità alle luci di un altro datore, e ai movimenti di un altro regista. Invece le foto di questo libro sono libere, sono altro dalla descrizione dello spettacolo, sono nel mezzo dei gesti e delle espressioni, sono composizioni autonome. Fulmini di volti in uno spazio immenso, minaccioso e vuoto. Forse danza, forse marcia. Gioia e dolore. Parole magiche.

“Dèsordre dejoué: è così che vi hanno insegnato questo mondo, inamabile, e voi lo vivete con la rabbia di vendicarvi o difendervi. Je sais, je sais sans savoir que je serai ton prochaine capture. E’ solo per questo che sono ritornato. Una musica canta la mia sorte, und bleibet meine Freude”

Controluci e velature, suoni di trombe, danze sui trampoli, sfilate, voli, urla di ombre. Primi piani di occhi sgranati- e bellezza fisica, solenne.

Nel mare calmo si getta l’acqua fangosa e io infantile, ritorno qui. Pendant la fête, la lutte continue: ti ricordi, ti ricordi?

Che bello. Quanta vita, e mistero.

Fantastica città la mia Milano, dove può capitarti di praticare metafotografia e sperimentare metateatro, così, quasi per gioco. E di meta, in meta, vivere davvero. La mia città, dove ancora e nonostante tutto fioriscono idee potenti, e si incontrano con la capacità di creare. E vengono realizzate. Con lo sguardo al futuro.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design