• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Speak Low
Amore in chiave di violino - Immagine dell'Autore

In un’ epoca in cui gridare pare sia la norma per molti, si sente l’esigenza di invocare, ancora una volta, il “Tocco di Venere”: “ Speak low, speak low, loveParla piano, parla a bassa voce, amore.”
Composta da Kurt Weill con le parole di Ogden Nash e cantata a Broadway nello spettacolo “One touch of Venus” nel 1943, il primo verso della canzone si ispira a un dialogo di Shakespeare, quando, in “Molto rumore per nulla” Pedro, rivolto a Ero dice: “ Speak low, if you speak love… parlate piano, se parlate d’amore”. Incisa per la prima volta nel 1944 da Guy Lombardo e la sua orchestra, ben presto la canzone è diventata un classico, interpretata dai grandi del jazz e recentemente da Nina Hoss nel film Phoenix.

Il nostro giorno d’estate appassisce troppo presto, troppo presto
Mi parlerai a bassa voce? Parlami d’amore, e presto

Il Tocco di Venere intenerisce, induce ad addolcire il tono della voce, a essere tolleranti, ad amare.
Chi odia invece, grida, sbraita, insulta, forse non si rende conto che “ Il nostro momento passa rapido, come navi alla deriva” , che, per dirla con i Beatles, tutto ciò di cui abbiamo bisogno è amore … All you need is love.

Kurt Weill
Kurt Weill

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design