• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Storia di Selina
Immagine di Aglaja

Per un accidente della vita ho conosciuto una ragazza straordinariamente bella, fiera. Quando l’ho incontrata era scalza, lunghissimi capelli di rame a smalto, denti perfetti per un sorriso dolce e irriverente. E una gonna nera fluttuante alle caviglie: una regina lontana.
Veniva dalla Russia, una storia tremenda: l’orfanotrofio, poi una amorevole coppia altoborghese che aveva adottato lei e il fratello.
Selina non era una figlia facile; aveva 25 anni, un talento artistico, ma la droga era stata una sirena potente fin dalla prima adolescenza. Comunità, uscite, ricadute, guai.
Selina era mamma di una bimba di pochi mesi, splendida come lei. Mostrava a tutti le foto di loro due, fiori accostati, il suo sguardo orgoglioso. Voleva farcela per sposare il papà della piccola, per riprenderla dal controllo dei servizi sociali.
Selina aveva voluto una mia vecchia felpa di “Dimensione Danza” e un giubbotto che mi avevano regalato. In cambio era stata generosa; un lavaggio sciagurato mi ha tolto due cachemire della sua mamma, ma il dolcevita nero e il gilet gipsy nocciola continuano a raccontarmi di lei.
Selina andò a San Patrignano.
La notizia della sua morte, data da un’amica, fu una lama. Da una breve di cronaca seppi che era scappata intorno a Natale e ritrovata una decina di giorni dopo in un vagone dismesso a Bologna. Overdose.
D’istinto affiorò lo sgomento, piccola, chissà quanto freddo. Il secondo pensiero fu che di certo aveva venduto il suo giovane magnifico corpo per comprare la morte che aveva sbriciolato i suoi progetti.
Ho odiato quegli uomini, figurandomeli maturi, insospettabili, di ritorno alle loro case linde dopo aver accompagnato per un pezzo della corsa verso il nulla la ragazza senza soldi, documenti e bagaglio, con soste in squallidi posti fuori mano.
Ho letto l’indulgente intervista allo schifoso ultraquarantenne che invece di portare Pamela alla comunità o a casa se l’è presa per 50 euro, complice degli eventi che ne hanno determinato la fine e lo scempio successivo
È di nuovo salito l’odio, quasi che Selina fosse morta un’altra volta.

selina3m

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design