• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Vivo a Murano, scoglio traslucido immerso nella laguna veneziana. Sono una fumatrice.
Squattrinata. Non compro mai una stecca di bionde: preferisco il lento stillicidio quotidiano, ché quattro euro e trenta al dì fingono di confondersi con le altre spese – e attentano alle coronarie solo in senso stretto. Le ultime due cicche, avanzate da un parco consumo serale, le finisco domenica all’alba. L’unico tabaccaio aperto di festivo, naturalmente, è all’altro capo dell’isola. E piove. E tira un vento di scirocco che ti porta via. E l’acqua alta raggiunge il metro e mezzo, sfondando il picco massimo stagionale, le deboli paratie dei magazzini, il confine tra rio e riva. L’acqua sale e corrode la sottile pelle testicolare degli indigeni, già duramente messa alla prova da passerelle inesistenti, gaudenti turisti in ammollo, battelli più o meno ebbri.
Indosso la cerata (due euro per una gigantesca taglia unisex) e gli stivali di gomma; ad altezza ginocchio, che per quelli alla John Wayne-idrorepellente tocca fare un mutuo, e chevvelodicoaffare. In tutto il mio splendore da pescatore di Norvegia, raccatto le monete e le chiavi di casa; poi apro la porta, allungo una tibia e splash.
Arranco. Le folate d’aria scoperchiano i cabinati, schiantano gli scuri contro le finestre, fischiano sotto i ponti con acuti sinistri. Lungo la calle, fiume in piena, incrocio un gabbiano galleggiante e il solito nonno di San Donato, fiero sosia di Little Tony. La cotta impermeabile mi turbina addosso. Mentre lotto contro il cordino che m’incappuccia il cranio, ripeto a fior di labbra una Serenissima maledizione, che si potrebbe tradurre così: “Se dovessi udire del giubilo, nel noto idioma nordico, trillato dall’ennesimo escrementizio deutsch-coso che, sguazzando nel putridume, si felicita dell’improvvisa, straordinaria alta marea, giuro che io, quel crucco, lo affogo!”. Perché sì, evviva, sono tornati i tedeschi a Venezia, beati loro. Epperò eccheppalle!
Raggiungo la bottega di sali e tabacchi, sfoggio il collaudato “uno-di-diana-blu-morbide-grazie” e torno sui miei passi. Be’, sarebbe più corretto parlare di bracciate, in effetti.
Ogni fradicia, lenta falcata scandisce il ritmo delle mie imprecazioni. E no, niente germanici “Ühhh!” con i quali pigliarsela. Con le ginocchia a mollo, mi è chiara una cosa: ci vuole un talento speciale per essere fumatori, vivere a Murano, finire le sigarette di domenica e andarle a comprare proprio mentre l’acqua raggiunge la punta massima sul medio-mare.
E idiota, modestamente, io ci nacqui.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design