• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Telefetenti

Telefetenti

scritto da Eugenio Saguatti

Più o meno un anno fa, alcune compagnie telefoniche sono passate da una tariffazione su 30 giorni a una su 4 settimane, alla zitt’e chieta. Hanno mandato un SMS, come fosse una qualsiasi promozione. “Un milione di SMS gratis per oggi soltanto.” “Traffico illimitato da mezzanotte alle 3 del mattino.” “Da domani le bollette passeranno da mese solare a mese lunare.” Messa così sembra quasi un oroscopo.
I concorrenti hanno diramato avvisi entusiasti: Che bella idea, perché non ci abbiamo pensato noi? Ci adegueremo quanto prima. Nonostante l’abbiano maccheronata in tutti i modi, in definitiva si trattava di un aumento camuffato, e nemmeno di poco conto: 8,6%, con 13 bollette all’anno invece di 12. Hai capito i fetentoni? Certo, c’era il diritto di recesso entro 30 giorni e bla-bla, ma se i gestori fanno cartello tra loro, hai poco da correre: eviti l’aumento di qua e te lo becchi di là.
Interviene l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni e blocca. Stratagemma illecito, dice Agcom, nonò, non si fa. Che le fono-compagnie tornino immantinente al computo anteriore. Evviva evviva! dice l’abbonato medio. Una volta tanto vince il consumatore.
Sennonché i fetent… gestori telefonici tornano sì al mese solare, ma mantengono il costo totale appena entrato in vigore e lo dividono per 12 anziché per 13.
Ma… ’spetta un momento, dice l’abbonato medio. Non è che per caso – per caso, eh – in questo modo il +8,6% rimane? Esatto! Proprio così. Ti avvisano anche del solito diritto di recedere eccetera eccetera, ma il colpo di genio, il guizzo diabolico, è nascosto in fondo. Ti dicono che NON C’È NESSUN AUMENTO, il prezzo rimane invariato. Ma cosa stai dicendo?!? Invariato? Sì, certo, rispetto a quello bocciato da Agcom, non rispetto alle tariffe precedenti.
Mi chiedo: dov’è finito il Popolo dei Biosacchetti, quello che ha montato una faccenda di stato per 2 cazzo di centesimi? DOV’È? Minimo mi aspettavo l’assalto alle sedi dei gestori, tipo Breccia di Porta Pia, o folle che lanciavano il cellulare nel fiume, perfino un ritorno ai piccioni viaggiatori fino a risoluzione della disputa. Macché, niente. Silenzio assoluto. Ma… possibile?
Abbiamo visto gente etichettare uno per uno gli acini di un grappolo d’uva, contrabbandieri importare biosacchetti in carta di riso e canna di bambù come gli ombrelli di Battiato, il mago Copperfield far levitare banane fino all’uscita del discount, e per ‘sta cosa nessuno dice bau?
Siamo uno strano Paese, eh, bisogna dirlo. In attesa della sentenza definitiva, buon +8,6% a tutti.

PS – Siamo ancora in tempo a recedere dal contratto. Senza penale. Pensiamoci.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design