• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Tenui speranze dalla scala F

Tenui speranze dalla scala F

scritto da Marco Speciale

Non è un cortile di quelli affascinanti, da casa di ringhiera. Nessuna ristrutturazione potrà regalare a queste abitazioni una qualche nobiltà: Milano, palazzi popolari anni Sessanta, la casa dei miei genitori. Varco il portone del condominio che si affaccia sulla strada e mi accoglie una raggiera di vialetti di beole. Si fanno largo fra gigantesche aiuole e conducono a ciascuna delle molte scale del complesso.
Io ci sono nato e cresciuto. L’immenso giardino, un piccolo parco, è stato il luogo privilegiato dove coltivare la mia spensieratezza. Scorribande con caterve di amici: era in atto il boom della natalità. Partite di calcio infinite: il triplice fischio era il tramonto.
Molte cose sono cambiate da allora. Il larice ha raggiunto il sesto piano e hanno dovuto mozzargli la punta. I gelsi, che erano solo dei fuscelli, hanno le fronde che si toccano, un ombrello dove non filtra più il sole. I pioppi non hanno resistito e ne rimangono solo i ceppi necrotici. I bidoni della raccolta differenziata giacciono come policromi totem di un nuovo senso civico. E non c’è più alcun bambino che gioca. Si respira un silenzio cimiteriale.
La verità è che questo giardino non è altro che un non-luogo. È uno spazio che, esaurita la funzione prevista da un certo modello di sviluppo, giace come sospeso. È lo stesso destino riservato alle fabbriche dismesse, ai negozi con le cler abbassate, ai capannoni senza insegne. E agli enormi cortili vuoti.
Dalla scala F spunta una nonna con il nipotino che, come un fulmine, inforca una piccola bicicletta. Disobbedisce, pesta sui pedali, corre e non ascolta raccomandazioni. Io spero che non freni. L’occasione per cadere arriva per tutti, e allora è meglio andarsela a cercare. Un po’ come facevo io cinquant’anni fa, con uguale incoscienza.
E mi sentivo tanto libero.

Commenta su Facebook!

Dieci passi in Ellerì
La mia droga
#LaGrandeBellezza #Oscar2014

#LaGrandeBellezza #Oscar2014

scritto da Cristina Cilli, Anna Giurickovic Dato, Costanza Firrao

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design