• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
The imitation game
L'attore Benedict Cumberbatch

Inghilterra, 1951. Alan Turing, professore di matematica, crittografo e omosessuale viene arrestato per atti osceni. Al poliziotto che lo interroga racconta la sua vicenda. Che risale alla seconda guerra mondiale, quando lui e altri cervelloni vengono reclutati dall’intelligence britannica per decifrare i codici segreti di “Enigma”, il programma escogitato dai nazisti per colpire i bersagli nemici.
Alan è quel che oggi si definirebbe un Asperger: asociale, chiuso in se stesso e nelle sue ossessioni. Inizialmente odiato dai compagni e dagli alti militari che lo hanno assunto, Turing disdegna tutte le formule classiche per decriptare i codici e, a fronte di un grosso finanziamento ottenuto dallo stesso Churchill, mette a punto una macchina mastodontica e all’apparenza inutile, che, a suo avviso, riuscirà dove la mente umana aveva fallito. La macchina, che lui chiama affettuosamente “Christopher”, è l’antenato del nostro computer. Christopher è anche il nome del giovane amico di studi, suo primo amore adolescenziale. Interessanti i flash back che ci riportano a Turing ragazzino, nel college dove è sbeffeggiato e oggetto di scherzi feroci da parte dei compagni, invidiosi dei suoi successi scolastici e indispettiti dalla sua diversità.
Ispirato alla vera storia di Alan Turing, “The imitation game” (Gran Bretagna/Usa 2014 – regia di Morten Tyldum) è un film appassionante, un omaggio al genio del grande matematico che riuscì insieme a un manipolo di colleghi a frenare la potenza bellica di Hitler e a salvare milioni di vite umane. Ma è anche e soprattutto una denuncia nei confronti dell’ottusa e benpensante società inglese per cui l’omosessualità era un reato e una malattia, da “curare” con farmaci devastanti per il fisico e la mente dell’individuo che vi era sottoposto. Il reato cadde solo nel 1967 e appena nel 2013 la regina Elisabetta volle riabilitare la figura dell’illustre scienziato.
Benedict Cumberbatch, già famoso per l’interpretazione di Sherlock Holmes nella fortunata serie televisiva, è straordinario nelle vesti di Turing: triste e dinoccolato, maldestro, eppure felice come un bambino, con i teneri occhi blu che sorridono, quando sente che la scoperta è vicina. “The imitation game”, per una volta, mette d’accordo critica e pubblico. Un ottimo film, da vedere.

 

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design