• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Un ritmo dinamico e incalzante
di Giuliana Maldini

Ogni volta che si parla di film è sorprendente constatare quanto siamo tutti diversi: per esempio “The party” a me è piaciuto moltissimo e invece scopro che per altri non è stato così. Mi è piaciuto proprio perché esagerato, feroce, con un ritmo dinamico e incalzante. Mi è piaciuto perché si svolge tutto in una stanza (amo le storie con impianti teatrali dove prevale un dialogo serrato). Proprio per la vicenda claustrofobica è stato paragonato al bellissimo “Carnage” di Polanski (certamente un capolavoro) ma là erano due giovani coppie che si scannavano e qui invece i personaggi sono sette, radical chic con un sarcasmo tipicamente inglese. Mi è piaciuto per le battute al vetriolo che mi hanno fatto ridere, per la bravura degli attori, per la scelta del bianco e nero che rende le immagini più raffinate, mi è piaciuto anche perché la regista è donna e io mi sento sempre un po’ più partigiana. Di lei ricordo in particolare un film autobiografico che ho visto e rivisto più volte “Lezioni di tango” dove è contemporaneamente regista, protagonista e ballerina. Tra l’altro una delle attrici (Patricia Clarkson) che forse è il suo alter-ego, le assomiglia pure tantissimo.“The party” mi è piaciuto per le musiche bellissime e non casuali (Sally Potter è anche compositrice di colonne sonore) e per finire mi è piaciuto il tango “Emancipation” che accompagna il colpo di scena finale, violento e inaspettato quando sembra che sia già stato raccontato tutto.

Personaggi sull’orlo di una crisi di nervi
di Costanza Firrao

Kristin Scott Thomas
Kristin Scott Thomas
Impianto, scenario e tempistica teatrali (poco più di un’ora), The Party – il partito e la festa nella doppia accezione anglosassone – è un film intriso di humour e cinismo tipicamente britannici. Tra Pinter e Polansky, Sally Potter – la regista di Orlando e Lezioni di tango – imbastisce una trama su un’occasione molto comune: una coppia, Janet e Bill, invita a cena un gruppo d’amici per celebrare la nomina di Janet a ministro-ombra della salute nel Labour. Iniziata con le migliori intenzioni, la festa si trasforma in un tritacarne di sentimenti e risentimenti. Un cast stellare: Kristine Scott Thomas nel ruolo della padrona di casa, Timothy Spall in quella dello strano consorte, poi c’è Patricia Clarkson che impersona la migliore amica di Janet e Bruno Ganz, il di lei marito; quindi la coppia lesbica (le ottime Cherry Jones e Emily Mortimer); infine il bellissimo Cillian Murphy di Dunkirk. Gli interpreti, con le loro manie, segreti e bugie, sono tutti bravissimi; i dialoghi affilati come lame di coltello; l’analisi socio-politica della società inglese perfetta ma, c’è un ma, la regista, nell’ansia di incastrare i suoi personaggi in meccanismi sempre più complicati e di épater le bourgeois con risvolti eclatanti, finisce col banalizzare l’opera nel suo insieme. Il registro del film, da raffinato e spesso divertente, si fa grottesco, e gli stessi personaggi sembrano, soprattutto nel finale, in evidente difficoltà a essere credibili nella loro parte.
The Party di Sally Potter – Gran Bretagna 2017

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design