• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Lucia è madre single di una ragazzina, Rosa, avuta giovanissima, fa la geometra ed è sempre a corto di soldi. Il sindaco del paese in cui vive, Paolo, le offre un lavoro: fare la visura catastale di un vasto terreno sul quale un ricco imprenditore vuole costruire un complesso immobiliare. Nonostante l’occasione sia ghiotta per rimpinguare le sue magre entrate, Lucia, che è una professionista seria e puntigliosa, trova nel corso dei rilevamenti un sacco di irregolarità. E, soprattutto, comincia ad avere delle strane allucinazioni, delle visioni e apparizioni inquietanti.
Il meraviglioso paesaggio della Tuscia viterbese, acri e acri di terra coperti da un manto verde, fa da sfondo a una vicenda singolare, pervasa da inquietudini, premonizioni e afflati misteriosi. Anche se nel film di Gianni Zanasi non c’è nulla di mistico, anzi, sia l’Apparizione che le preoccupazioni di Lucia sono molto terrene e legate alla vita piuttosto che all’aldilà o al regno dei cieli. Con dialoghi scoppiettanti, quelli sì surreali, e situazioni paradossali, la storia si snoda in un crescendo di avvenimenti che mano a mano diventano sempre più esplosivi. I protagonisti principali sono tre donne: Lucia, sua figlia Rosa e la “Visione”, anche se la bizzarra pellicola firmata dal regista modenese non è necessariamente un film femminista, piuttosto la conferma che le intuizioni delle donne sono spesso più valide rispetto a quelle degli uomini. Tant’è che i personaggi maschili, pur interpretati da bravissimi attori, Giuseppe Battiston (il sindaco), Elio Germani (l’ex-convivente) e Thomas Trabacchi (l’imprenditore) risultano figure deboli e opache. Tutt’altro che opaca è invece la luce che investe i campi color smeraldo colpiti dal sole, che si estendono a perdita d’occhio fino a congiungersi, all’orizzonte, col blu brillante del cielo. Lucia è Alba Rohrwacher, sempre più brava e più bella, in autentico stato di “grazia”; la giovane Rosa è interpretata dall’esordiente Rosa Vannucci e la “Visione” ha il viso stupendo di Hadas Yaron.
Presentato al Festival di Cannes, “Troppa grazia” è un film fuori dall’ordinario, che si sottrae con umorismo ed eleganza a certe ovvietà e stereotipi della commedia italiana, e in cui, molto realisticamente, si aspira a costruire un mondo migliore, perfino a credere che talvolta i miracoli possano accadere.
Troppa grazia di Gianni Zanasi – Italia/Spagna/Grecia 2018

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design