• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Solo parole esatte
Cerca nei titoli
Cerca nel contenuto
Search in comments
Cerca nei riassunti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Search in groups
Search in users
Search in forums
Filter by Custom Post Type
Filtra per categorie
Poesia
Venerdì in versi
Critica poetica
Emily Dickinson
Costumi
Manuale di sopravvivenza
Amore ma anche no
Cucina Intelligente
Viaggi
Sesso sesso
Attualità
Società
MediaWeb
Polis
Sport
Scienza
Editoriale
Scritture
Racconti
In 10 righe
Pensieri Letterari
Storia
Cultura
Cinema
Libri
Musica
Arte Arti
Teatro
Fotografia
La Redazione
Concorso letterario ellerì
Senza categoria
Immagini
{ "homeurl": "http://www.larivistaintelligente.it/", "resultstype": "vertical", "resultsposition": "block", "itemscount": 4, "imagewidth": 70, "imageheight": 70, "resultitemheight": "auto", "showauthor": 1, "showdate": 0, "showdescription": 1, "charcount": 2, "noresultstext": "Nessun risultato!", "didyoumeantext": " Forse intendevi?", "defaultImage": "http://www.larivistaintelligente.it/wp-content/plugins/ajax-search-pro/img/default.jpg", "highlight": 1, "highlightwholewords": 1, "openToBlank": 0, "scrollToResults": 1, "resultareaclickable": 1, "autocomplete": { "enabled": 1, "googleOnly": 0, "lang": "it" }, "triggerontype": 1, "triggeronclick": 1, "triggeronreturn": 1, "triggerOnFacetChange": 1, "overridewpdefault": 1, "redirectonclick": 0, "redirectClickTo": "results_page", "redirect_on_enter": 0, "redirectEnterTo": "results_page", "redirect_url": "?s={phrase}", "more_redirect_url": "?s={phrase}", "settingsimagepos": "left", "settingsVisible": 0, "hresultanimation": "bounceIn", "vresultanimation": "rollIn", "hresulthidedesc": "1", "prescontainerheight": "400px", "pshowsubtitle": "0", "pshowdesc": "1", "closeOnDocClick": 1, "iifNoImage": "description", "iiRows": 2, "iitemsWidth": 1100, "iitemsHeight": 400, "iishowOverlay": 1, "iiblurOverlay": 1, "iihideContent": 1, "iianimation": "bounceIn", "analytics": 0, "analyticsString": "", "aapl": { "on_click": 0, "on_magnifier": 0, "on_enter": 0, "on_typing": 0 }, "compact": { "enabled": 0, "width": "100%", "closeOnMagnifier": 1, "closeOnDocument": 0, "position": "static" } }
Trump, l’antiamericano
Colin Kaepernick (7) e Eric Reid (35)

New York – Nella stagione 2016, Colin Kaepernick, il quarterback dei San Francisco 49ers, arrivò in campo con i suoi compagni e fece qualcosa di inatteso: durante l’inno nazionale, non rimase in piedi, ma si inginocchiò per protestare contro gli episodi di razzismo che quotidianamente vengono commessi contro americani non bianchi e contro la violenza della polizia. Nel corso delle settimane, molti altri giocatori si unirono a Kaep e molti si schierarono al fianco del ventinovenne del Wisconsin che, tuttavia, a fine stagione, non fu reclutato da nessun team.
Vale la pena ricordare che la NFL è solitamente identificata con i conservatori e molti proprietari di team hanno personalmente contribuito, con laute donazioni, all’insediamento di Donald Trump. Il quale, però, alla disperata ricerca di qualcosa che potesse distrarlo (non distrarre noi, ma se stesso) da un discorso disastroso all’ONU, dalle indagini di Mueller sulla Russia sempre più pericolose e da sondaggi che lo vedono al 37% di gradimento, ha deciso, durante un comizio elettorale in Alabama (l’unica cosa che sembra dargli ancora una qualche allegria), di attaccare i giocatori del football chiamandoli “figli di puttana” e chiedendo ai proprietari delle varie squadre di licenziarli se non “rispettano” l’inno nazionale.
Per rincarare la dose del suo arrogante e cieco anti americanismo, la mattina successiva, ha “sfidato a duello” un’altra stella dello sport, Steph Curry, che aveva fatto sapere di non essere intenzionato ad andare alla Casa Bianca come è tradizione per la squadra vincitrice del campionato di basket. Ora, Trump, ha annunciato al mondo, via twitter, di aver ritirato l’invito che Curry (badate bene) aveva già rifiutato. Proprio come fanno i bambini. “Volevo un gatto nero nero nero, mi hai dato un gatto bianco e io non gioco più”.
Ciò che non ha considerato Trump è che gli atleti e le atlete insultati sono americani e quindi godono di un diritto inalienabile garantito dal Primo Emendamento che protegge la loro libertà di espressione.
Trump, ancora, ha dimenticato che la schiavitù è stata abolita e che, quindi, gli afro americani – i due terzi dei giocatori professionisti della NFL – hanno gli stessi diritti di tutti gli altri americani, incluso quello di protestare senza essere licenziati.
Trump, inoltre, ha sottovalutato il fatto che, i suoi commenti a sostegno dei neo nazisti, ricorrenti nelle ultime settimane, non sono cosa facile da mettere da parte e non è accettabile, per la maggioranza del paese, un presidente che definisce “persone perbene” i dimostranti che a Charlottesville hanno seminato violenza e causato la morte di Heather Heyer e “figli di puttana” dei campioni dello sport che onorano la bandiera a stelle e strisce in tutto il mondo.
Trump, poi, ha dimenticato il potere straordinario dello sport che, da Jackie Robinson a oggi, ha aiutato il paese a colmare divari, appianare divisioni, creare unità, svelare il razzismo per quello che è: una porcheria che infanga il cuore del paese e che ne ha sempre costituito solo ed esclusivamente le ombre e mai le luci.
Cosí, Trump, in una domenica per lui da incubo, ma per noi bella da vivere qui, in America, ha assistito alla sua più grande sconfitta mediatica con il mondo dello sport: dalla NFL, passando per il basket e fino al baseball, unito, con braccia incatenate, come sul ponte di Selma, a fare da muro, senza mattoni, contro chi questo paese sta provando, da dieci mesi, a distruggerlo senza pietà.

La protesta dello sport USA contro Trump
La protesta dello sport USA contro Trump

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design