• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Tutta colpa di Renzi
Immagine dell'Autrice

Antipatico, arrogante, smorfioso e col collo corto. Sì, Renzi è così. E quindi quasi tutti lo odiano. Deve essere un mostro, visto da vicino e frequentato. Uno che ti tratta come una pezza da piedi anche se hai cinque lauree. Uno che non ti caga neanche di striscio, e neanche ti ascolta se gli parli. Dicono che se ci lavori insieme non lo sopporti. Per fortuna non lo conosco affatto, oltre al resto ha anche brutti nei in faccia, un naso da lepre, e una bocchetta striminzita che neanche Trump. Se lo vedi camminare, poi. Rigido come un baccalà, con quelle gambe da giraffa lunghissime e il torace cortissimo.
E neanche le sue continue faccette da becero fiorentino furbo mi ammaliano. I sinistri dicono che è di destra come Berlusconi, i destri gli danno del comunista. Hanno di certo ragione.
Secondo loro avrebbe trovato un’Italia paradiso terrestre, fiorente, piena di lavoro per tutti, senza un disoccupato, senza un politico disonesto, col pil che cresceva a mille all’ora, e l’avrebbe rovinata col governo suo e di Gentiloni. Quando era invece in piena crisi economica, col pil a meno 8 o roba del genere. E Renzi sarebbe riuscito a rimediare a qualcuno dei guai che avevamo? Ma no, ma no, lo dicono solo i piddini e qualche economista che non chiamano mai a parlare in tv.
Come non bastasse lo accusano, con tutta la famiglia, di essere un ladro e un mascalzone. Se qualcuno ha le prove delle sue nefandezze, o immondi segreti da svelare, che li metta sul piatto. Apertamente, con le prove. Così lo saprò anch’io.
Adessso, i legastellati al governo dicono che salveranno l’Italia, che faranno diventare ricchi tutti tranne i politici in pensione, che saremo tutti biologici e honesti, felici e ordinati, honesti, senza inquinamento, e senza industrie, honesti e privi dei cattivissimi immigrati che ci tolgono il lavoro di raccoglitori di pomodori… io aspetto
Eppure, se quel Renzi lo vedo in tv, o leggo qualcosa di suo, anche adesso, sono sempre d’accordo con lui, porca paletta. Io che mi sono iscritta al PCI nel 1971, e adesso sono di una sinistra moderatissima, sul liberale andante, vado d’accordo con lui. Delinea con esattezza quello che già io pensavo dovesse essere la sinistra moderna – da molto prima che lui spuntasse al PD. Qualche cazzata ne ha infilata, ma chi non ne ha fatte? Togliatti, De Gasperi, Berlinguer, Fanfani, Craxi, Bersani? A volte, cosa che mi capita di rado, sospetto che il ragazzo sia persino più intelligente di me. Ma non lo invidio. Lo trovo ridicolo, lo ammiro e mi fa un po’ pena.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design