• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Solo parole esatte
Cerca nei titoli
Cerca nel contenuto
Search in comments
Cerca nei riassunti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Search in groups
Search in users
Search in forums
Filter by Custom Post Type
Filtra per categorie
Poesia
Venerdì in versi
Critica poetica
Emily Dickinson
Costumi
Manuale di sopravvivenza
Amore ma anche no
Cucina Intelligente
Viaggi
Sesso sesso
Attualità
Società
MediaWeb
Polis
Sport
Scienza
Editoriale
Scritture
Racconti
In 10 righe
Pensieri Letterari
Storia
Cultura
Cinema
Libri
Musica
Arte Arti
Teatro
Fotografia
La Redazione
Concorso letterario ellerì
Senza categoria
Immagini
{ "homeurl": "http://www.larivistaintelligente.it/", "resultstype": "vertical", "resultsposition": "block", "itemscount": 4, "imagewidth": 70, "imageheight": 70, "resultitemheight": "auto", "showauthor": 1, "showdate": 0, "showdescription": 1, "charcount": 2, "noresultstext": "Nessun risultato!", "didyoumeantext": " Forse intendevi?", "defaultImage": "http://www.larivistaintelligente.it/wp-content/plugins/ajax-search-pro/img/default.jpg", "highlight": 1, "highlightwholewords": 1, "openToBlank": 0, "scrollToResults": 1, "resultareaclickable": 1, "autocomplete": { "enabled": 1, "googleOnly": 0, "lang": "it" }, "triggerontype": 1, "triggeronclick": 1, "triggeronreturn": 1, "triggerOnFacetChange": 1, "overridewpdefault": 1, "redirectonclick": 0, "redirectClickTo": "results_page", "redirect_on_enter": 0, "redirectEnterTo": "results_page", "redirect_url": "?s={phrase}", "more_redirect_url": "?s={phrase}", "settingsimagepos": "left", "settingsVisible": 0, "hresultanimation": "bounceIn", "vresultanimation": "rollIn", "hresulthidedesc": "1", "prescontainerheight": "400px", "pshowsubtitle": "0", "pshowdesc": "1", "closeOnDocClick": 1, "iifNoImage": "description", "iiRows": 2, "iitemsWidth": 1100, "iitemsHeight": 400, "iishowOverlay": 1, "iiblurOverlay": 1, "iihideContent": 1, "iianimation": "bounceIn", "analytics": 0, "analyticsString": "", "aapl": { "on_click": 0, "on_magnifier": 0, "on_enter": 0, "on_typing": 0 }, "compact": { "enabled": 0, "width": "100%", "closeOnMagnifier": 1, "closeOnDocument": 0, "position": "static" } }

Vasco Errani: “Non sarà un addio. Spero sia un Arrivederci”. Massimo D’Alema: “Con Orlando segretario le cose cambierebbero” (cioè, potrei rientrare nel PD). Varo dei Democratici e Progressisti a Testaccio: “Andremo tutti a votare per Orlando” (fonte: Monica Guerzoni, Corriere della sera 26 febbraio 2017).
Ma che scissione è, questa? E’ evidente che non rifiutano il PD; rifiutano Renzi (a proposito di “personalizzazione”!). Oggi escono perché sono consapevoli della propria debolezza e sanno che non ce la farebbero a sconfiggerlo in campo aperto. Ma il loro obiettivo non è fare un altro partito. Vogliono cancellare Renzi. Alcuni solo da segretario; altri per affermare che la “sinistra” (intesa a modo loro) non può stare in un partito in cui ci sia gente come lui. Insomma, una manifestazione di vero e proprio “razzismo politico”.
Comunque, questa “scissione con progetto di rientro” è un evidente riconoscimento della funzione insostituibile del PD. Le partite decisive per la sinistra (e, anche, largamente, per l’Italia) sono quelle che si giocano sul campo del PD. Meglio di tutti lo sanno quanti se ne allontanano per sgambare un po’ su qualche campetto d’allenamento; senza perdere d’occhio, però, il campo principale. Perché conta quel che accade lì.
Altro che “crisi del PD”! Il PD non è mai risultato tanto decisivo come in questi giorni; e a farlo capire sono proprio i comportamenti e le dichiarazioni dei fuoriusciti. Il PD è nato definendosi democratico anche perché vuol essere “aperto e contendibile”. Coloro che si separano oggi con l’obiettivo di rientrare domani, in attesa – per farlo – di un cambio di leadership possono comportarsi così in quanto considerano il PD, per l’appunto, “aperto e contendibile”. Non provano a contenderlo oggi perché consci di non farcela; scelgono un’altra strada nella speranza di raggiungere – prima o poi – l’obiettivo. Ma possono far così perché quel partito è davvero “aperto”, davvero “contendibile”.
Una delle sciocchezze più madornali e dannose, è stata la trovata del “partito di Renzi, PdR”. Renzi non ha fatto un partito “suo”; Renzi ha capito la novità del PD, ci ha creduto, l’ha utilizzata e ne ha conquistato la leadership. L’essenziale, è che quella leadership deriva dalla vittoria in una competizione democratica aperta a milioni di persone. Se Orlando o Emiliano, prevalessero nella prossima competizione, non nascerebbe un partito “loro”; sarebbe la conferma della bontà e della efficacia della “formula PD”. Con nessuno, oggi o in futuro, questo tratto costitutivo del PD potrebbe essere cancellato; se non distruggendo il partito stesso, come avverrebbe se tornassero in auge le pratiche oligarchiche dei partiti della “prima repubblica”.
E non c’entra niente “l’uomo solo al comando”. Non è vero che i meccanismi congressuali del PD, con il voto conclusivo aperto ai cittadini, producano inevitabilmente effetti “plebiscitari”. Lo Statuto è preciso: al voto popolare finale accedono i 3 (sottolineo tre) candidati più votati dagli iscritti nei circoli. Se uno dei tre ottiene la maggioranza assoluta dei consensi viene proclamato segretario nella successiva riunione della Assemblea nazionale. In caso contrario, in quella stessa Assemblea – la cui composizione è rigorosamente proporzionale – si va al confronto e alla scelta fra i due che hanno raccolto più voti.
Così è scritto nello Statuto. E il regolamento prevede, non a caso, una settimana di intervallo fra il voto popolare e la riunione dell’Assemblea nazionale; per dare il tempo – qualora ce ne sia la necessità – di maturare decisioni che non sono affatto automatiche. In sostanza, però, è sempre il voto popolare a decidere: sia che il Segretario risulti eletto subito, sia che si affidi all’Assemblea il compito di farlo.
Ci pensino quelli che hanno deciso di andare a fare un giro e che aspettano il momento propizio per rientrare. L’amministratore del condominio può cambiare; anzi, sempre a norma di Statuto, dopo due mandati il Segretario del PD deve cambiare. Le norme che regolano il condominio, però, sono quelle; e rifiutarle, cercare di aggirarle, è molto azzardato, oltre che poco conveniente.
Un esempio? Non sarebbe migliore la condizione e la posizione odierna di Bersani, Epifani, D’Alema, Speranza e via elencando, se, negli ultimi tre anni, invece di pensare solo a demolire Renzi si fossero applicati a selezionare, promuovere e rafforzare una candidatura alla leadership che fosse risultata oggi effettivamente competitiva?
Questo, solo questo, chiede il PD: a loro e a chiunque.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design