Caricamento

Digita la ricerca

Manuale di sopravvivenza

Babbo Natale?

Marilda Nicolini
1.889 visite

Sara stava girellando tra gli scaffali del Centro Commerciale con il suo papà, atmosfera natalizia, luci ovunque, giocattoli, addobbi.
C’era pure Babbo Natale che suonava la sua campanella e ritirava le letterine scritte dai bimbi con le richieste dei regali.
– Ma perché lo chiamano Babbo Natale? Non è giovane come te, dovrebbero chiamarlo Nonno Natale – disse Sara che era una bambina molto perspicace .
Il papà rimpianse di non avere con sé la moglie che aveva sempre la risposta pronta alle domande della loro meravigliosa bimba.
. Ma in effetti siamo noi italiani che lo chiamiamo così . in America
lo chiamano Santa Claus che vuol dire San Nicola- spiegò sperando di cavarsela.
– Porta i regali anche in America? – domandò Sara sempre più perplessa – vecchio com’è chissà che fatica! Laggiù ci sono tanti bambini -.
Il papà le raccontò di renne, slitte, camini, elfi, tutti al servizio di Babbo Natale per aiutarlo.
Ricordò anche (orgoglioso di conoscere questa leggenda) che in Russia i regali li portava Nonno Gelo, aiutato dalla sua nipotina.
Era soddisfatto delle sue spiegazioni e pensava di essersela cavata bene nel difficile mestiere di papà quando Sara, stringendogli la mano e tirandolo giù in modo da potergli parlare all’orecchio, gli disse:
– Sai papà, io credo a quello che mi ha detto la nonna. I regali li porti Gesù Bambino-.

Tags:

Ti potrebbe piacere

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *