Caricamento

Digita la ricerca

In 10 righe

Cent’anni di isolitudine

SALVATORE RONGA
2.408 visite

Immagine dell'Autore

C’erano giorni in cui mi raccontavo di essere triste e non lo ero: potevo impormi il lusso dell’indifferenza allo splendore delle belle giornate, i bagni non erano più un’avventura, ma un’abitudine.
Così ritornavo al guscio secco e fragile di cartilagine che è il tempo quando filtra la luce, quando asciuga il riverbero dei suoni e delle voci, il tempo di una controra infinita.
Ritornavo al piacere della noia e mi ascoltavo crescere.
Sorvegliavo la metamorfosi del corpo, l’arcipelago di isole bianche che emergevano dalla scorza salata. Mutavo pelle, ancora una volta, e inseguivo lo sgomento di un altro me che sarebbe stato di lì a qualche anno con lo struggimento dell’amante.
Meditavo rivalse sul mare che mi tradiva ogni estate con altri.

Tags:
SALVATORE RONGA
SALVATORE RONGA

Nacque a bordo di un’isola nel golfo di Napoli, Ischia. Sbarcò raramente, così da poter attribuire al rollio ogni tormento esistenziale. Sperimentò varie forme di gastrite. Perse i capelli, ma non perse tempo a raccoglierli. Amò più di quanto i suoi amici sospettassero e odiò molto meno di quanto i suoi nemici avessero creduto. Venne alla luce il 13 luglio 1969 e da allora non fa che scrivere e riscrivere il suo epitaffio.

  • 1

Ti potrebbe piacere

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *