Caricamento

Digita la ricerca

Scienza

Due più due

MASSIMO SALVADORI
1.499 visite

Gottfried Wilhelm von Leibniz

A Leibniz non bastava che due più due facesse solo quattro, incontrovertibilmente quattro. Aveva capito la solitudine degli uomini, ma anche quella di Dio, premuto dalla necessità di far quadrare i conti di quel tutto che accade, sempre difficile da dire e pensare. Noi, il suo universo, le piante, le cose, siamo soli, determinati, necessari ma anche unici, non riducibili a numeri e grandezze soltanto.
Nessun vivente sarà toccato dalla stessa pioggia e mai dallo stesso tempo.
Anche gli insulti saranno diversi per ciascuno. Nessuno vivrà mai una vita uguale all’altra. Nel bene, nel male, nella gloria, nella caduta o nella miseria.
Non un insetto è uguale ad un altro, due fili della medesima erba resteranno diseguali tra loro. La brina che sopra loro ricama sarà fatta di infiniti cristalli, che la legge della fisica condensa, ma ognuno sempre diverso dall’altro.
Leibniz morì poverissimo in disconosciuto abbandono e accusato di plagio nei confronti dell’astro di Newton, che in quel tempo lontano, più di tutti brillava.
La solitudine dei numeri primi.

Tags:
MASSIMO SALVADORI
MASSIMO SALVADORI

Nasco a Modena, ma rivendico ascendenze liguri, toscane, venete. Trapiantato a Napoli, rimango uomo di pianura: il grido dei gabbiani è una sorpresa quotidiana che ad ogni giorno e notte si rinnova. Insegno filosofia in un liceo di frontiera, ma i confini, si sa, sono un’invenzione e la realtà riesce anche a superare metafisica e immaginazione. Scrivo quando le parole assomigliano a quel che sento e sono: a volte penso, a volte vivo, il più delle volte devo invece impegnarmi a sopravvivere. Dal 2015 collaboro a LRì, un’esperienza azzurra di amici, amiche e di parole.

  • 1

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *