Caricamento

Digita la ricerca

Racconti

Il gatto a ore

SALVATORE RONGA
3.821 visite

Balthus Nudo con gatto

 

Frusciò con la coda contro la porta socchiusa. Un refolo di vento e una fetta di sole. Era un incanto il gioco funambolico su per le mensole. Si strusciava sui libri, inarcava la schiena, faceva arabeschi. La sua indifferenza mi conquistò.
Cosa mangia un gatto? mi chiesi dopo l’ennesima visita. Comprai dei croccantini. Lo accolsi fingendo che poco m’importava se avrebbe gradito o meno. Aspettai che completasse il numero e andai a controllare. La ciotola era vuota. Forse gli piacevo. Tornò più volte. Alla stessa ora.
Poi cominciai a pensare che la quotidianità avesse intorpidito tutto. Le sue acrobazie erano sempre più di maniera. Quattro salti e il muso giù nella ciotola. Forse era stanco di me.
Invece era ingrassato. Me ne accorsi il giorno in cui, per puro caso, uscii di casa prima del previsto. Il vecchietto dirimpetto svuotava la scatola di croccantini e gli sussurrava paroline dolci. Il gatto mi tradiva, con tutti. Nel vicolo non si contava il numero delle vittime, tutte convinte di essere le sole ad avere un gatto a ore.

Immagine: “Nudo con gatto” , Balthus

Tags:
SALVATORE RONGA
SALVATORE RONGA

Nacque a bordo di un’isola nel golfo di Napoli, Ischia. Sbarcò raramente, così da poter attribuire al rollio ogni tormento esistenziale. Sperimentò varie forme di gastrite. Perse i capelli, ma non perse tempo a raccoglierli. Amò più di quanto i suoi amici sospettassero e odiò molto meno di quanto i suoi nemici avessero creduto. Venne alla luce il 13 luglio 1969 e da allora non fa che scrivere e riscrivere il suo epitaffio.

  • 1

Ti potrebbe piacere

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *