Caricamento

Digita la ricerca

In 10 righe

Insonne a Ischia

SALVATORE RONGA
1.159 visite

Castello Aragonese d'Ischia, faro - Foto di Enzo Rando

“le stelle ci sorridono se a tratti/ socchiudono gli occhi come fanno i gatti”  (Sandro Penna)

 

Ieri notte non riuscivo a dormire e così sono sceso dal letto come da una barca alla fonda; ho resuscitato dal frigo una bottiglia di prosecco, già alleggerita per buona parte nei giorni di festa, e ho riempito mezzo bicchiere di carta; sulle scale fuori casa l’aria era fredda e trasparente; i lampioni sul parcheggio stampavano aloni giallognoli e mesti da abat-jour; al di sopra la sagoma netta e opalescente della luna, poi una nuvola solitaria che sembrava disegnata da un bambino e le stelle – e ho pensato che quando diciamo che le stelle brillano non diciamo affatto una banalità: le stelle palpitavano, apparivano a una a una, sbucavano dalla notte compatta e si ricomponevano poi tutte assieme, una volta che lo sguardo si fosse illuso di averne completato l’elenco; lontano l’orizzonte era una striscia satura di acqua, tanto corposa e visibile era la luce intermittente del faro sul Castello.
Non c’era nessuno, data l’ora tarda, e allora ho immaginato che il miracolo di una notte così non fosse di per sé straordinario, ma che al contrario fosse straordinaria la mia presenza di insonne, di intruso, e così, allontanandomi in punta di piedi, mi sono rassegnato a tornare a letto.

Tags:
SALVATORE RONGA
SALVATORE RONGA

Nacque a bordo di un’isola nel golfo di Napoli, Ischia. Sbarcò raramente, così da poter attribuire al rollio ogni tormento esistenziale. Sperimentò varie forme di gastrite. Perse i capelli, ma non perse tempo a raccoglierli. Amò più di quanto i suoi amici sospettassero e odiò molto meno di quanto i suoi nemici avessero creduto. Venne alla luce il 13 luglio 1969 e da allora non fa che scrivere e riscrivere il suo epitaffio.

  • 1

Ti potrebbe piacere

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *