Caricamento

Digita la ricerca

Venerdì in versi

Karen Press e la poesia che raccoglie

ANNA TOSCANO
1.202 visite
https://sala.org.za/wp-content/uploads/2015/11/Karen-Press-SALA-2015.jpg

Karen Press

Questo è il tuo pezzo di mondo

Questo è il tuo pezzo di mondo
dolore di cane, dolore di gatto, pioggia su una finestra chiusa
e una fame uggiolante che ti cresce dentro
e non ti lascia.

È qui che soffre il tuo cuore
da persona normale, è qui che scopri
che il mondo si fa grigio quando ci sei catapultato dentro,
e che ogni giorno di nuovo devi andare al tuo funerale.

Ogni tanto questo ti tocca,
questa mancanza, questo implorare qualcosa
e sentire dire “no”.

Ogni tanto devi uscire nella gelida notte,
emettere suoni privi di ritmo
e sdraiarti in mezzo a loro, come una persona vera
senza riparo.

 

Karen Press raccoglie storie da un mondo lontano, le storie delle madri, delle antenate, le tiene insieme come scrigni preziosi nei quali imbibire un presente che si lacera senza il senso della storia tramandata. Le radici, la tradizione da racimolare e amalgamare al presente e da predisporre per il futuro è il lavoro poetico di Press che con lanternino e scalpello scava nei ricordi. La poeta ha tasche per raccogliere le pietre del passato così da ancorarsi a una storia, la sua storia e la storia del mondo: “Frammenti del passato / mi finiscono nelle tasche / luminosi come gli occhi dei cani randagi, / imploranti e feroci. / Per simpatia il presente si spacca in mille pezzi / e ci s’infila dentro”. La sua poesia narra di una sofferenza muta di milioni di persone che vivono in un paese dai grandi contrasti, il suo attivismo la porta non a scrivere poesie direttamente politiche ma a comporre versi che parlino dell’uomo all’uomo, di una identità che la sabbia e le macerie e la avidità umana cercano di smussare. La strada che percorre con la sua lirica è quella dell’empatia, unico modo per raggiungere gli altri e farsi raggiungere attraverso la parola poetica in un mondo che è confinato nella sofferenza del “tuo cuore”.

 

Karen Press, Pietre per le mie tasche, Donzelli, Roma, 2012

Tags:
ANNA TOSCANO
ANNA TOSCANO

Vive a Venezia, insegna presso l’Università Ca’ Foscari e collabora con altre facoltà. Scrive per testate, tra cui Il Sole24 Ore e Doppiozero. Sesta e ultima raccolta di poesie è Al buffet con la morte, La Vita Felice 2018, preceduta da Una telefonata di mattina, 2016, Doso la polvere, 2012; liriche, racconti e saggi sono rintracciabili in riviste e antologie; sua curatela di cataloghi e libri di poesie. Ha ideato e condotto la trasmissione radiofonica Virgole di poesia per Radio Ca’ Foscari e racconti sui suoi luoghi del cuore per Le Meraviglie di Rai Radio 3. Per la testata on-line La Rivista Intelligente cura Venerdì in versi. È stata editor per case editrici, lavorato come ufficio stampa; ha collaborato con varie scuole di scrittura e ha fondato “Lo Squero della parola”, laboratorio di scrittura. Come fotografa suoi scatti sono apparsi in riviste, manifesti, copertine di libri, mostre personali e collettive. Varie le esperienze teatrali, tra le quali “Voce di donna Voce di Goliarda Sapienza”. www.annatoscano.eu

  • 1

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *