Caricamento

Digita la ricerca

Costumi

La caffettiera con i baffi

SALVATORE RONGA
2.458 visite

 

Il signor Alfonso osservava sua moglie. La donna era alle prese con una lisciveuse, così si chiamava la nonna della moderna lavatrice. Era un pentolone con un grosso tubo dalla sommità bucata che lasciava tracimare l’acqua in ebollizione, mista alla liscivia. E se al posto della liscivia ci fosse il caffè? – si chiese il signor Alfonso.

Tornò in fonderia, una delle più avviate imprese piemontesi degli anni Trenta, e si mise all’opera. Il pentolone divenne un pentolino, a sezione ottagonale e rastremato verso l’alto. A protezione del becco bucato un altro pentolino, ma rastremato verso il basso, e con il manico in bachelite.

L’aspetto era quello di una clessidra in alluminio. Sì, proprio una clessidra! Perché esiste forse un modo migliore di trascorrere il tempo di quello in compagnia di un buon caffè? Grazie a sua moglie e alla lavatrice, Alfonso Bialetti inventò la Moka.

Poi nel dopoguerra suo figlio ci mise la faccia, o meglio, i baffi. Nell’Italia in bianco e nero di Carosello, Renato Bialetti diventa l’omino con i baffi, elegante cartoon che inaugura un’avanguardista campagna di comunicazione, Un espresso meglio che al bar, un prodotto Bialetti.  Fu, lui stesso, testimonial della più amata delle caffettiere, un’intramontabile leggenda del design Made in Italy.

 

Carosello Bialetti

SALVATORE RONGA
SALVATORE RONGA

Nacque a bordo di un’isola nel golfo di Napoli, Ischia. Sbarcò raramente, così da poter attribuire al rollio ogni tormento esistenziale. Sperimentò varie forme di gastrite. Perse i capelli, ma non perse tempo a raccoglierli. Amò più di quanto i suoi amici sospettassero e odiò molto meno di quanto i suoi nemici avessero creduto. Venne alla luce il 13 luglio 1969 e da allora non fa che scrivere e riscrivere il suo epitaffio.

  • 1

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *