Caricamento

Digita la ricerca

Amore ma anche no

LA MIA ANALISTA

SUSANNA GARAVAGLIA
546 visite

Frida Kahlo - The Two Fridas - !939

Per anni avevo fatto lunghi monologhi, la mia analista mi aveva svezzata con i suoi freddi silenzi. Dopo averla temuta detestata desiderata amata odiata invidiata sognata, ora finalmente l’avevo assolta. Era stata me e poi la mia nemica e infine di nuovo in me. Ora incominciava ad avere vita autonoma.
Quel giorno mi guardava negli occhi e la vidi diversa, un’altra da sé, sarei allora presto cambiata anch’io. Un tonfo al cuore, non ci saremmo più viste, ce l’avrei fatta da sola. Per un’altra strada. Prima di andarmene rubai un pezzetto della sua anima e la portai con me, impastandola con la mia. E me ne dimenticai, per anni e anni.
Il sogno si ripeteva spesso da quando avevo smesso di raccontarmi alla mia analista. Non l’avevo mai fatto prima. Lei mi invitava a lasciarmi andare, senza una parola, solo uno sguardo allenato preciso esauriente. Avrei voluto alzarmi, riprendere fiato e dire il mio grazie, come non detto, ci ho ripensato.
Ma lasciai che la sua mano pesante e inutile si posasse sul mio seno. Un brivido lungo il mio corpo. Profumo di vuoto. Respirai profondamente ma poi ripersi il ritmo. Lo interpretò come piacere e continuò, con un movimento meccanico d’artista già stanca. La sua mano sul mio seno.
Avevo paura, ma la mia voce era rimasta nella stanza accanto, mentre le donne spalmate di olio mi preparavano per il rito. Sacrale. Incominciò a svitare il mio seno sinistro, svitava svitava ed io non avevo più lacrime. Da quando quel seno mi era stato donato dalla monaca di clausura che non sapeva che farsene, rinchiusa in convento dopo un bridge contro la moglie del farmacista, tra il piacere di un contre, la libidine di un surcontre. E ora quella donna me lo stava svitando. Mi svegliai di colpo, il mio seno era ancora tutto lì.
Oggi sulla metro il suo sguardo ha incrociato il mio. E’ lei, anche se i suoi capelli grigi sono più corti. Erano lunghi e neri. E’ lei anche se la camicia di seta nasconde il suo seno. Era bello, il suo seno, era grande.. E’ lei anche se i suoi occhi hanno incontrato i miei e sono volati subito via. I suoi begli occhi neri che ho tanto amato anni fa. Per un’altra strada.

Tags:
SUSANNA GARAVAGLIA
SUSANNA GARAVAGLIA

Naturopata, counselor, operatrice teatrale, docente, da sempre attenta ad una visione Olistica dell'uomo e della vita, ha lasciato Milano e, da “battitore libero”, studia e diffonde la trasformazione del futuro. Chi vuole fare un pezzetto di strada con lei può contattarla nel suo B&B "JOIE DE VIVRE" ai margini del bosco a Calice Ligure. Con Dede Riva ha dato vita al Manifesto Progetto Creatività, Via Femminile alla Trasformazione, firmato da esponenti della cultura di tutto il mondo. Ha pubblicato con Tecniche Nuove La Scrittura dell'Anima, Diario di Psicosomatica, L'anima del Successo, 365 Pensieri per l'Anima . Con la casa editrice Stazione Celeste Stavolta sarò Femmina, con ilmiolibro.it Senza radici dove voli? Per Anguana Edizioni con Devana ha pubblicato “Sciamane. Storie, canti e risvegli di anziane sedute in cerchio”, ha collaborato con Giovanna Tolio e altri autori alla stesura di “Amicizia (nuova energia di evoluzione)”, Leone Editore Ha collaborato con settimanali nazionali (Gioia, Alba, D-Repubblica) e con settimanali di settore , attualmente collabora con La Rivista Intelligente e con Dol's Magazine (Donne On Line). Si diverte a indagare in ogni “dentro”. www.susannagaravaglia.com

  • 1

Ti potrebbe piacere

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Correlate