Caricamento

Digita la ricerca

Arte Arti

La ridente pittura della bella Zinaida

DUCCIO TROMBADORI
2.221 visite

Zinaida Serebriakova - At Breakfast 1914

Nei primi anni Ottanta visitai i musei di Mosca e Leningrado (San Pietroburgo). Tra le opere che più mi sorpresero alla Galleria Tretyakov fu la ‘Colazione del mattino’ e lo spensierato autoritratto della bella Zinaida Serebriakova (1884 -1967), forte e gentile artista russa che dopo una giovinezza professionale passata con successo in patria, aveva preferito andarsene a Parigi dopo la rivoluzione di Ottobre (1924) per continuare laggiù, piuttosto in sordina, il suo lavoro. La Serebriakova fu per me una scoperta, sconosciuta com’era ai più in Europa occidentale, come del resto tante altre figure di grande rilievo dell’arte moderna russa. Di famiglia borghese molto agiata, Zinaida aveva appreso l’arte entro le mura di casa, figlia com’era di Evgenij Lanceray, noto scultore, e nipote di Alexandre Benois fondatore del gruppo ‘Myr Isskustva’ (mondo dell’arte) che fu uno dei centri del simbolismo russo. La sua pittura plastica, viva e lucente , mi fece pensare subito al gusto postimpressionista del Novecento italiano, che in Zinaida era sottolineato da un disegno tendente alla prospettiva ravvicinata e al monumentale. Era una ritrattista puntualmente calibrata sulla fisiognomica dei caratteri e dei temperamenti. Dipinse scene di vita rurale russa, di vita domestica, con fanciulle e donne piene di esuberanza, spesso sorridenti nelle pause di lavoro o conviviali. Il risultato è l’espressione di una felicità vitale e di una eleganza spontanea che illumina la scena di particolari colori armonizzati tra di loro nel dettaglio di oggetti, vestiario, capigliature e corpi femminili catturati nell’età sorridente a partire dalla adolescenza fino al più consapevole rigoglio della gioventù. Zinaida tornò in Russia sul finire degli anni Cinquanta, fu sempre ammirata e rispettata nel suo paese. Nel 1966, poco prima di morire, venne celebrata da una grande retrospettiva a Mosca. Oggi la sua opera è riconosciuta tra le principali espressioni dell’arte russa del XX secolo.

Zinaida Serebriakova - Autoritratto

Zinaida Serebriakova – Autoritratto

Tags:
DUCCIO TROMBADORI
DUCCIO TROMBADORI

Duccio Trombadori. Nato a Roma nel 1945, figlio e nipote d’arte, dal padre Antonello e dal nonno Francesco ha ereditato la passione per la politica e la pittura. Laureato in Filosofia, è stato giornalista, critico d’arte, saggista, docente di estetica alla università di Architettura di Roma. Ha iniziato a scrivere d’ arte su ‘L’Unità’ alla fine degli anni Settanta, ha continuato in seguito su ‘Rinascita’, ‘Panorama’, ‘Il Foglio’, ‘Il Giornale’, e sul Tg3. Esperto d’ arte italiana del ‘900, ha diretto una rivista d’arte (‘Quadri&Sculture’, 1993-1998) ed ha curato monografie di Mario Mafai, Francesco Trombadori, Antonio Donghi, Riccardo Francalancia, Giulio Turcato, Renato Guttuso, Mario Schifano, Mario Ceroli. Tra il 1993 e il 2013 ha collaborato a diverse edizioni della Biennale di Venezia, di cui è stato consigliere di amministrazione. E’ stato più volte consigliere di amministrazione della Quadriennale di Roma. E’ autore di un libro- intervista con Michel Foucault (1982) e di una biografia ragionata di Gino De Dominicis (2012) . Un suo libro di versi (’Illustre Amore’, 2007) è giunto finalista al Premio Viareggio. E’ pittore di piccoli paesaggi di gusto ‘novecentesco’ che ha esposto a Parigi e Roma tra il 1990 e il 2014.

  • 1

Ti potrebbe piacere

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *