Caricamento

Digita la ricerca

Manuale di sopravvivenza

Lettera a un professore supplente

MASSIMO SALVADORI
2.053 visite

Foto di Jeanloup Sieff - 1959

Lettera a un professore supplente che quando va a scuola in provincia sembra che corra a prendere il treno per partire lontano.

Assorto tra coincidenze e tabelle è in ansia, lo si vede che soffre, che non si capacita bene se scappare lontano o restare al binario, partire senza aspettare conferma che il posto sia giusto ovvero sbagliato.

Tertium non datur ? Non è dato sapere.

A volte sembra quasi che tema il giudizio, ma nessuno davvero saprebbe dire di cosa: un mistero assorto e gentile dietro gli occhiali. Un uomo comune, un uomo normale.

Guarda i ragazzi, ogni volta fa finta di compilare il registro, nessuno capisce il tormento assorto in ogni domanda: sembra prima di tutto sia a se stesso che chieda cosa sia stato del tempo, di quando aveva vent’anni, di quanti anni abbia adesso.

Una sera la vita gli disse che andava a fare due passi, di non preoccuparsi, che sarebbe tornata al più presto. Pazienza, ma è un modo di dire a cui nessuno crede davvero.

Forse è per questo il motivo per cui, da supplente, è il silenzio che insegna.

Tags:
MASSIMO SALVADORI
MASSIMO SALVADORI

Nasco a Modena, ma rivendico ascendenze liguri, toscane, venete. Trapiantato a Napoli, rimango uomo di pianura: il grido dei gabbiani è una sorpresa quotidiana che ad ogni giorno e notte si rinnova. Insegno filosofia in un liceo di frontiera, ma i confini, si sa, sono un’invenzione e la realtà riesce anche a superare metafisica e immaginazione. Scrivo quando le parole assomigliano a quel che sento e sono: a volte penso, a volte vivo, il più delle volte devo invece impegnarmi a sopravvivere. Dal 2015 collaboro a LRì, un’esperienza azzurra di amici, amiche e di parole.

  • 1
Precedente
Successivo

Ti potrebbe piacere

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *