Caricamento

Digita la ricerca

Pensieri Letterari

Lettera al diavoletto cartesiano

MASSIMO SALVADORI
1.742 visite

Caro spirito maligno che alberghi nelle pieghe più oscure dello spirito umano, smetti, ti prego, di tormentare l’intelligenza affilata del mio amico Cartesio.
Non tormentare ad oltranza i suoi sogni, non invidiargli i pensieri del cuore.
Ama e considera te alla pari del lume della razionale ragione.
Senza il tormento che ingombra certezze e illusioni, la strada del vero avrebbe percorsi ridicoli e addirittura più oscuri.
Sei l’ombra che accompagna da sempre la luce, chiediamo che il tuo assenso confermi la scienza di ciò che diciamo.
Pertanto palesati, non avere paura.
Riposa con gli altri pensieri alla luce del sole.
Anche il demonio in persona, ogni tanto, guarda senza rancore le stelle di questo teatro notturno.
E mentre le sogna, tutto il creato riposa.

Avec toute mon affection, Blaise Pascal

Cartesio e Pascal in teatro

Cartesio e Pascal in teatro

 

Tags:
MASSIMO SALVADORI
MASSIMO SALVADORI

Nasco a Modena, ma rivendico ascendenze liguri, toscane, venete. Trapiantato a Napoli, rimango uomo di pianura: il grido dei gabbiani è una sorpresa quotidiana che ad ogni giorno e notte si rinnova. Insegno filosofia in un liceo di frontiera, ma i confini, si sa, sono un’invenzione e la realtà riesce anche a superare metafisica e immaginazione. Scrivo quando le parole assomigliano a quel che sento e sono: a volte penso, a volte vivo, il più delle volte devo invece impegnarmi a sopravvivere. Dal 2015 collaboro a LRì, un’esperienza azzurra di amici, amiche e di parole.

  • 1
Precedente
Successivo

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *