Caricamento

Digita la ricerca

Cucina Intelligente

L’orata coricata

SALVATORE RONGA
1.318 visite

Vincent Van Gogh - Natura morta con pesci (Stampa)

La ricetta dell’orata coricata su un letto di purea di piselli e accompagnata da una julienne di finocchi selvatici non è di per sé molto complicata.
La parte più difficile è convincere l’orata a coricarsi, giacché, che sia stata preparata in tegame e inumidita con un mignolo di olio oppure più felicemente accolta in un forno ventilato, l’orata sarà nervosa per il solo fatto di essere stata pescata; a meno che essa non sia di allevamento, e in tal caso solo la scarsa intelligenza o una particolare inclinazione alla distrazione potrebbero addursi a motivo della sua totale inconsapevolezza circa il proprio destino.
Se non volete ricorrere alle maniere forti, essendo l’orata un pesce delicatissimo, potreste cantarle una ninna nanna e attendere pazientemente che la stessa si assopisca, in modo da adagiarla senza che se ne accorga: la durata dell’operazione dipende dal grado di vigilanza dell’orata e dalle vostre capacità canore.
Oppure potreste far leva sul politically correct e smontare ogni resistenza dell’orata accusandola di non volersi coricare con i finocchi, facendole anche capire che la natura selvatica degli stessi non va intesa come una propensione comportamentale – tutt’altro; portate a esempio la docilità con cui i finocchi si sono prestati a essere serviti alla julienne che è il più raffinato e antimimetico dei travestimenti.
Se l’orata dovesse ancora fare storie, tramortitela, un solo colpo, deciso, ma leggero, perché se ne stia buona a letto giusto il tempo di servirla.

Tags:
SALVATORE RONGA
SALVATORE RONGA

Nacque a bordo di un’isola nel golfo di Napoli, Ischia. Sbarcò raramente, così da poter attribuire al rollio ogni tormento esistenziale. Sperimentò varie forme di gastrite. Perse i capelli, ma non perse tempo a raccoglierli. Amò più di quanto i suoi amici sospettassero e odiò molto meno di quanto i suoi nemici avessero creduto. Venne alla luce il 13 luglio 1969 e da allora non fa che scrivere e riscrivere il suo epitaffio.

  • 1

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *