Caricamento

Digita la ricerca

Musica

Metamorfosi di una voce

ROBERTO CALVINO
4.132 visite

 

Lo scorrere del tempo, si sa, produce effetti imprevedibili.
Anche per un cantante. Il fisico inevitabilmente cambia, la voce in alcuni casi rimane la stessa, in altri migliora, in altri peggiora o diventa semplicemente diversa.
Triste la metamorfosi della voce di Billie Holiday nelle ultime incisioni, da lasciare interdetti quella di Dylan quando uscì “John Wesley Harding”.
In fondo un cantante è la sua voce.
Frank Sinatra ci ha sempre dato le stesse emozioni.
Non così Johnny Cash, la cui voce negli ultimi anni della sua vita ha assunto toni di una profondità inconsueta.
Impressionante oltre misura la sua versione di “In My Life”, da molti considerata una delle più belle canzoni dei Beatles.
Il modo in cui Jonny Cash pronuncia le parole scritte da John Lennon lascia senza fiato. L’approdo è struggente e spiazzante.
La trasformazione della sua voce scandisce la storia di un secolo con le speranze, gli slanci, le utopie, la voglia di giustizia, il disincanto, il rimpianto, la malinconia, la disillusione. A solitary man.
Solitario fino alla fine dei suoi giorni.

ROBERTO CALVINO
ROBERTO CALVINO

Ha conseguito la laurea in lettere moderne, discutendo una tesi in storia della critica d’arte con Maria Luisa Dalai Emiliani. Ha collaborato con Roberto Leydi e Michele Straniero su temi riguardanti la cultura delle classi subalterne. E’ stato corrispondente dall’Italia per “La strada”, rivista pubblicata in Olanda. E’ stato docente di lettere nella scuola secondaria. Principali mostre a cui ha partecipato con lo pseudonimo di Felix Danton o con il proprio nome: Echi Urbani, Amarillo Art Gallery Reggio Emilia 2009; Immagina Arte. Reggio Emilia, 2009; San Quirico D’Orcia. Palazzo Chigi. Demone a ciascuno il suo sogno, 2010; Cortecce e Simmetrie. Sestante, Gallarate 2011; Carù. Parole suoni immagini. Riflettere. Sacrestia della chiesa monumentale di San Marco, Milano, 2012; Rive gauche/ droit en Anniviers, Festival dédié à la photographie d'auteur et de montagne. Grimentz, 2012; Da legno a segno " Spazio Ostini, Cuirone, 2014; 15 ème festival européen de la photo de nu, " Corps et texte ", Arles, 2015; Dalle parole alle immagini, dalle immagini alle parole, Gallarate, spazio Carù Museo Maga, 2017.

  • 1
Successivo

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *