Caricamento

Digita la ricerca

Racconti

Non ancora

FRANCO GADDONI
2.778 visite

 

Non c’è l’albero illuminato, non c’è il presepe. Poca gente fuori, e nessuno certo a fare acquisti. Non ci sono musiche natalizie a far tintinnare l’aria, né Babbi Natale a distribuire caramelle ai bambini. La neve cade, certo, ed è pure bianca, ma non ammanta di poesia silenziosa una città dalle mille luci: serve solo a rendere un po’ meno oscuro il buio che avvolge tutto.
Gli occhi di chi incontro non risplendono di quella gioia quasi infantile che a Natale si tira fuori dalle cassapanche dell’anima. Nessuno inventa regali, nessuno ne attende. Neppure i più piccoli, per cui pare che questi siano giorni esattamente come gli altri. Nessuno di loro ha scritto letterine di richieste, nessuno si sforzerà di rimanere sveglio per vedere Babbo Natale; tutto come ieri, tutto come domani.
Anche per me è così. Sono solo, la luce già fioca di un fuoco ormai vecchio dona un po’ di tepore a questo unico angolo della mia caverna. Gesù nascerà fra seimila anni.

 

Tags:
FRANCO GADDONI
FRANCO GADDONI

Classe 1953, ha esercitato la professione di farmacista per trent’anni. Si occupa di floriterapia di Bach e australiana ed è attivo negli ambiti dell’organizzazione musicale e dell’associazionismo a scopo sociale e di servizio. Scrive per diletto da secoli, dapprima in caratteri cuneiformi, poi via via attraverso gli alfabeti, fino all'attuale.

  • 1

Ti potrebbe piacere

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *