Caricamento

Digita la ricerca

Poesia

Shakespeare un sonetto e me

SALVATORE RONGA
2.793 visite

The Phoenix Portrait, Queen Elizabeth I, 1575 - dettaglio.

 

E io t’avesse dicere ca tu si’ comme ‘o tiempo d’ ‘a staggione?

No, pecché tu si’ cchiù sbrennente e quieta:

viente arraggiate scumbinano ruselle ‘e maggio

e ‘a staggione se ne more accussì priesto:

‘nu juorno coce l’uocchie d’ ‘o cielo

e se scuresce, faccia d’oro, ‘o juorno appriesso,

e ogni tanto ‘e tutte ‘sti bellizze nun ne resta nisciuna,

pe’ scagno, pe’ sciorta o pecché cagna natura.

 

Dovrei paragonarti a un giorno d’estate?

Tu sei ben più raggiante e mite:

venti furiosi scuotono le tenere gemme di maggio

e il corso dell’estate ha vita troppo breve:

talvolta troppo cocente splende l’occhio del cielo

e spesso il suo volto d’oro si rabbuia

e ogni bello talvolta da beltà si stacca,

spoglio dal caso o dal mutevol corso di natura.

 

William ShakespeareSonetto 18

 

SALVATORE RONGA
SALVATORE RONGA

Nacque a bordo di un’isola nel golfo di Napoli, Ischia. Sbarcò raramente, così da poter attribuire al rollio ogni tormento esistenziale. Sperimentò varie forme di gastrite. Perse i capelli, ma non perse tempo a raccoglierli. Amò più di quanto i suoi amici sospettassero e odiò molto meno di quanto i suoi nemici avessero creduto. Venne alla luce il 13 luglio 1969 e da allora non fa che scrivere e riscrivere il suo epitaffio.

  • 1
Precedente

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *