Caricamento

Digita la ricerca

Musica

Speak Low

ROBERTO CALVINO
780 visite

Amore in chiave di violino - Immagine dell'Autore

In un’ epoca in cui gridare pare sia la norma per molti, si sente l’esigenza di invocare, ancora una volta, il “Tocco di Venere”: “ Speak low, speak low, loveParla piano, parla a bassa voce, amore.”
Composta da Kurt Weill con le parole di Ogden Nash e cantata a Broadway nello spettacolo “One touch of Venus” nel 1943, il primo verso della canzone si ispira a un dialogo di Shakespeare, quando, in “Molto rumore per nulla” Pedro, rivolto a Ero dice: “ Speak low, if you speak love… parlate piano, se parlate d’amore”. Incisa per la prima volta nel 1944 da Guy Lombardo e la sua orchestra, ben presto la canzone è diventata un classico, interpretata dai grandi del jazz e recentemente da Nina Hoss nel film Phoenix.

Il nostro giorno d’estate appassisce troppo presto, troppo presto
Mi parlerai a bassa voce? Parlami d’amore, e presto

Il Tocco di Venere intenerisce, induce ad addolcire il tono della voce, a essere tolleranti, ad amare.
Chi odia invece, grida, sbraita, insulta, forse non si rende conto che “ Il nostro momento passa rapido, come navi alla deriva” , che, per dirla con i Beatles, tutto ciò di cui abbiamo bisogno è amore … All you need is love.

Kurt Weill

Kurt Weill

Tags:
ROBERTO CALVINO
ROBERTO CALVINO

Ha conseguito la laurea in lettere moderne, discutendo una tesi in storia della critica d’arte con Maria Luisa Dalai Emiliani. Ha collaborato con Roberto Leydi e Michele Straniero su temi riguardanti la cultura delle classi subalterne. E’ stato corrispondente dall’Italia per “La strada”, rivista pubblicata in Olanda. E’ stato docente di lettere nella scuola secondaria. Principali mostre a cui ha partecipato con lo pseudonimo di Felix Danton o con il proprio nome: Echi Urbani, Amarillo Art Gallery Reggio Emilia 2009; Immagina Arte. Reggio Emilia, 2009; San Quirico D’Orcia. Palazzo Chigi. Demone a ciascuno il suo sogno, 2010; Cortecce e Simmetrie. Sestante, Gallarate 2011; Carù. Parole suoni immagini. Riflettere. Sacrestia della chiesa monumentale di San Marco, Milano, 2012; Rive gauche/ droit en Anniviers, Festival dédié à la photographie d'auteur et de montagne. Grimentz, 2012; Da legno a segno " Spazio Ostini, Cuirone, 2014; 15 ème festival européen de la photo de nu, " Corps et texte ", Arles, 2015; Dalle parole alle immagini, dalle immagini alle parole, Gallarate, spazio Carù Museo Maga, 2017.

  • 1

Ti potrebbe piacere

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *