Caricamento

Digita la ricerca

Critica poetica

Vorrei ascoltare ancora una volta la tua voce

ROBERTO CALVINO
3.430 visite

Immagine di Roberto Calvino

Aveva solo 23 anni Nina Nikolayevna Andreevskaya, quando nel 1916 telefonò a Kandinskij.
Ciò che gli disse non dovette impressionarlo particolarmente, la sua voce invece lo stregò, diventando per il celebre pittore una magnifica ossessione: le dedicò prima un acquerello “Omaggio ad una voce sconosciuta” e poi non resistette al desiderio di conoscerla. Dopo pochi mesi la sposò.
Come sanno tutti gli innamorati, la voce arriva direttamente al cuore, proviene dalle più profonde pieghe della coscienza, si anima col respiro, non si limita a far vibrare le corde vocali, ma le mette in sintonia coi sentimenti, assumendo il timbro inconfondibile del nostro modo di essere.
Il tono della voce seduce, incanta, blandisce, rimprovera, arringa, repelle, annoia, ironizza: rivela ciò che le parole nascondono. I grandi attori la modulano, calibrano i toni, studiano le inflessioni, alternano le pause al ritmo.
“Poesia è risonar del dire oltre il concetto” osservava Carmelo Bene. Le sillabe, la metrica, le assonanze, le onomatopee, danno alla voce quel la inconfondibile, affinché il verso nella recitazione assuma nuovi significati.
I cantanti poi si identificano con la loro voce. L’emissione vocale è la loro carta d’identità.
Siamo abituati a sfogliare gli album di foto che ritraggono i nostri cari che non ci sono più: talvolta il desiderio di risentire la loro voce è forte e, se per caso ne riascoltiamo la registrazione, un’emozione profonda ci pervade.

Unknown Voice di Kandinsky 1916.

Unknown Voice di Kandinsky 1916.

Tags:
ROBERTO CALVINO
ROBERTO CALVINO

Ha conseguito la laurea in lettere moderne, discutendo una tesi in storia della critica d’arte con Maria Luisa Dalai Emiliani. Ha collaborato con Roberto Leydi e Michele Straniero su temi riguardanti la cultura delle classi subalterne. E’ stato corrispondente dall’Italia per “La strada”, rivista pubblicata in Olanda. E’ stato docente di lettere nella scuola secondaria. Principali mostre a cui ha partecipato con lo pseudonimo di Felix Danton o con il proprio nome: Echi Urbani, Amarillo Art Gallery Reggio Emilia 2009; Immagina Arte. Reggio Emilia, 2009; San Quirico D’Orcia. Palazzo Chigi. Demone a ciascuno il suo sogno, 2010; Cortecce e Simmetrie. Sestante, Gallarate 2011; Carù. Parole suoni immagini. Riflettere. Sacrestia della chiesa monumentale di San Marco, Milano, 2012; Rive gauche/ droit en Anniviers, Festival dédié à la photographie d'auteur et de montagne. Grimentz, 2012; Da legno a segno " Spazio Ostini, Cuirone, 2014; 15 ème festival européen de la photo de nu, " Corps et texte ", Arles, 2015; Dalle parole alle immagini, dalle immagini alle parole, Gallarate, spazio Carù Museo Maga, 2017.

  • 1

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *