• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Barbara è bellissima. Ha folti e dolcemente ondulati i capelli, grandi occhi scuri e lucenti, lineamenti armoniosi e decisi, bocca disegnata con l’arco di Cupido, ovale luminoso. Larghe spalle lisce, braccia forti e morbide. Barbara è terribilmente sexy. E’ la prima cosa che si nota di lei, poi arrivano lo charme, l’intelligenza, lo spirito, la naturale eleganza. Eppure ha scritto un libro intitolato: “Non volevo morire vergine”, autobiografico. In realtà, per molti anni, Barbara ha creduto che mai le sarebbe stato possibile conoscere l’amore fisico – e solo perché, dopo l’incidente avuto in mare a 15 anni, è divenuta tetraplegica. Ma si sbagliava.
Dalla carrozzina ci ha raccontato la sua storia, con un linguaggio energico, diretto, senza vittimismi, anzi, con ironia e autoironia.
Una lunga strada, dal buio, dagli occhi fissi verso il soffitto, dalla fatica di riimparare a muovere la testa e guidare le mani.
Se a pagina 42 scrive: “Forse è proprio questa “cosa” a cui non so ancora dare un nome ma che mi mette sottosopra a spaventarmi. Il nome lo scoprirò tardi: desiderio”, più avanti il sogno, piano piano e poi l’esplorazione e la scelta arrivano. Il sesso: “… una bambina alla scoperta di un mondo che mi era sempre apparso come inaccassibile… esploro, senza freni e inibizioni. E poi scelgo”. La rivelazione.
La seduzione e il piacere sono per lei possibili! Piace agli uomini, e gli uomini le piacciono – ma data la quasi immobilità si affiderà solo a coloro di cui si fida. Riesce a vivere l’orgasmo in pienezza, e poi, e poi… si continua a leggere questo libro divisi tra la voglia di correre a vedere lo sviluppo di una storia che ci sorprende a ogni pagina, e per sapere come Barbara riuscirà nella costruzione di sè come donna completa, tra gioie e dolori, e anche errori – e insieme il desiderio di rallentare, soffermarsi sui brani più vivi e speciali, dove in parte ci identifichiamo con lei nella passione e nel gioco, e in parte scopriamo misure di piacere a noi sconosciute.
Un libro strutturato e organico, lo definerei più un vero romanzo che un memoir, con personaggi delineati, e una trama affascinante, l’opera di una autrice che conosce a fondo il suo strumento, che sa usare la parola per farci vivere con lei, con tutte noi stesse. Da leggere assolutamente.

Barbara Garlaschelli – Non volevo morire vergine – Piemme ed.

Barbara Garlaschelli
Barbara Garlaschelli

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design