Caricamento

Digita la ricerca

Critica poetica

Il Vate

Arrampicato, come una polena inutile, alla prua del torpediniere Puglia, il Vate scrutava l’orizzonte. L’altra costa non era Dalmazia, era Italia, e la nave non fendeva le onde, ma affondava in un giardino melmoso di pioggia recente. Si allungò oltre la murata e guardò giù. Niente, a parte gli alberi. Lo stesso niente che sentiva tutti i giorni più vicino. Settantacinque anni. Lui, che avrebbe voluto vedersi caro al cielo, morto giovane, eroe, progettista della fine. E invece era soltanto un vecchio. Con una pazza che suonava il piano dentro casa. Una pazza con cui non parlava. Una pazza cui scriveva lettere ogni giorno.
Ardisco non ordisco. Memento audere semper. Eja, eja. Alalà! Qui contra nos. Me ne frego. Tutte parole senza senso, ormai. Parole vuote. Eravamo giovani, eravamo eroi, eravamo nei progetti della morte, pensò. Lo siamo ancora. Dalle soglie del bosco gli giunse l’eco di una voce. Non una voce umana, non parole. Un crepitio. Restò in silenzio. Piove. Sulle tamerici, i pini, i mirti, le ginestre. Piove. Guardò il lago. L’acqua scura increspata dall’Ora. Si sentì un cane. Il cane del proprio nulla. Rientrò in casa. Si sedette e morì.

Gabriele D’Annunzio (Pescara, 12 marzo 1863– Gardone Riviera, 1 marzo 1938)

P.S. La “pazza” cui si accenna nel testo è Luisa Baccara, che visse al Vittoriale dal 1921 fino al giorno della morte del poeta. D’annunzio le scrisse quasi duemila lettere.

Stefano Bandera

Nato nel ’63, è scrittore nella vita e cosmonauta nell’arte. Ha pubblicato una quindicina di libri per bambini e ragazzi, uno dei quali, Il primo libro dei mostri, ha anche vinto un premio. Nel suo e-book Acqua su Marte, le due anime - di scrittore e cosmonauta - si sono finalmente riunite. Non fa versi e stira le camicie mentre medita Nietzsche.

  • 1

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *