• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Solo parole esatte
Cerca nei titoli
Cerca nel contenuto
Search in comments
Cerca nei riassunti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Search in groups
Search in users
Search in forums
Filter by Custom Post Type
Filtra per categorie
Poesia
Venerdì in versi
Critica poetica
Emily Dickinson
Costumi
Manuale di sopravvivenza
Amore ma anche no
Cucina Intelligente
Viaggi
Sesso sesso
Attualità
Società
MediaWeb
Polis
Sport
Scienza
Editoriale
Scritture
Racconti
In 10 righe
Pensieri Letterari
Storia
Cultura
Cinema
Libri
Musica
Arte Arti
Teatro
Fotografia
La Redazione
Concorso letterario ellerì
Senza categoria
Immagini
{ "homeurl": "http://www.larivistaintelligente.it/", "resultstype": "vertical", "resultsposition": "block", "itemscount": 4, "imagewidth": 70, "imageheight": 70, "resultitemheight": "auto", "showauthor": 1, "showdate": 0, "showdescription": 1, "charcount": 2, "noresultstext": "Nessun risultato!", "didyoumeantext": " Forse intendevi?", "defaultImage": "http://www.larivistaintelligente.it/wp-content/plugins/ajax-search-pro/img/default.jpg", "highlight": 1, "highlightwholewords": 1, "openToBlank": 0, "scrollToResults": 1, "resultareaclickable": 1, "autocomplete": { "enabled": 1, "googleOnly": 0, "lang": "it" }, "triggerontype": 1, "triggeronclick": 1, "triggeronreturn": 1, "triggerOnFacetChange": 1, "overridewpdefault": 1, "redirectonclick": 0, "redirectClickTo": "results_page", "redirect_on_enter": 0, "redirectEnterTo": "results_page", "redirect_url": "?s={phrase}", "more_redirect_url": "?s={phrase}", "settingsimagepos": "left", "settingsVisible": 0, "hresultanimation": "bounceIn", "vresultanimation": "rollIn", "hresulthidedesc": "1", "prescontainerheight": "400px", "pshowsubtitle": "0", "pshowdesc": "1", "closeOnDocClick": 1, "iifNoImage": "description", "iiRows": 2, "iitemsWidth": 1100, "iitemsHeight": 400, "iishowOverlay": 1, "iiblurOverlay": 1, "iihideContent": 1, "iianimation": "bounceIn", "analytics": 0, "analyticsString": "", "aapl": { "on_click": 0, "on_magnifier": 0, "on_enter": 0, "on_typing": 0 }, "compact": { "enabled": 0, "width": "100%", "closeOnMagnifier": 1, "closeOnDocument": 0, "position": "static" } }
Sole cuore amore
Isabella Ragonese
La sveglia sul comodino suona tutte le mattine alle 4 e 30. Lavarsi, dare una carezza al piccolo che dorme nel lettino e un’occhiata alla stanza dei tre bimbi più grandi, bersi un caffè veloce, salutare Francesco e via di corsa a prendere il pullman. Nel giorno che è ancora notte con tutti che sonnecchiano con la testa reclinata sul sedile. Poi sempre di corsa verso il metro dove, sempre stordita, ti capita pure di saltare la fermata. E finalmente al bar con il padrone che ti guarda male per i minuti di ritardo e la collega extracomunitaria che è già lì a preparare cappuccini e a sfornare brioches ai clienti.
Tutte le mattine del mondo va così per Eli, pure la domenica. Due ore a andare due ore a tornare. A Roma e da Roma. Ma, nonostante lo sfinimento e la fatica, le preoccupazioni economiche per il marito disoccupato e i quattro figli da tirar su, Eli è un cuor contento. Ad aiutarla coi bambini c’è Vale, la sua vicina, che fa la performer nei dancing della capitale. Si incontrano al buio, Eli che parte e Vale che torna.
Daniele Vicari, regista da tempo attento al sociale (suo il “Diaz” che ripercorre i terribili fatti del G8 di Genova), mette in scena una storia realistica, tratta da una vicenda realmente accaduta. Racconta l’affanno di una generazione, quella dei trenta-quarantenni, a barcamenarsi con la mancanza di lavoro, con certe forme di sfruttamento, con un welfare inesistente. Il titolo spensierato Sole cuore amore, che riprende il refrain di un tormentone del 2001 (Dammi tre parole di Valeria Rossi), è volutamente in contrasto con l’intensità e lo spessore del film.
Isabella Ragonese che ad ogni interpretazione aggiunge un tassello alla sua bravura (era la scoppiettante Mia nel “Padre d’Italia”), impersona Eli, madre, moglie, amica, lavoratrice instancabile. Intenso anche il personaggio di Vale (Eva Grieco), una ragazza che ha rifiutato la comodità di una vita borghese per ricercare, tra mille difficoltà e incertezze, la sua libertà d’espressione.
Nella locandina del film, quasi tutto girato di notte, spicca il cappottino rosso di Eli. Lei, girata di spalle, le mani infilate in tasca, che cammina nella stazione deserta del metro di Roma. La bambina di “Schindler’s List” cresciuta. Il mondo intorno a Eli è migliore, anche se “la banalità del male” è sempre lì. Muta la pelle e il contesto in cui agire, ma è lì in agguato.

Dammi tre parole, sole cuore amore – recita la canzone. Anche se spesso, come nel caso di questo film bello e straziante, la difficoltà sta proprio nel trovare le parole per raccontarlo.

Sole cuore amore di Daniele Vicari (Italia 2016)

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design