• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Hardborough, una sperduta cittadina dell’Inghilterra orientale, alla fine degli anni ’50. Florence è una vedova di guerra e, amante della lettura, decide di aprire una libreria nella Old House, l’edificio più antico del paese. A fatica riesce a ottenere un prestito in banca e finalmente, con aiuti di fortuna e tanta buona volontà, riesce a realizzare il suo sogno.
La sceneggiatrice e regista catalana, Isabel Coixet, i cui soggetti hanno sempre avuto come protagoniste le donne e le loro problematiche, traduce in pellicola il libro di Penelope Fitzgerald, “The bookshop” (1999), e ne trae un film delicato e attento in cui mette a fuoco la società dell’epoca e il suo avvizzito perbenismo. Cene eleganti in cui predominano il chiacchiericcio e il pettegolezzo, la cultura confinata a mero espediente per accrescere prestigio e potere: Florence, a parte l’appoggio di un vecchio signore e di una bambina determinata, avrà ben presto tutti contro. C’è un filo rosso che lega letteratura e cinema al femminile e “La casa dei libri” ne è un ottimo esempio.
Diretto da una donna, tratto dal romanzo di una donna, protagonista una donna timida, non bella né appariscente, ma combattiva e coraggiosa, interpretata dalla bravissima Emily Mortimer. In una libreria non ci si sente mai soli – dice Florence – accarezzando il dorso dei volumi mentre li sistema negli scaffali etichettati a seconda del genere: poetry, travel books, novels, historical fiction… e, davanti allo schermo, ti sembra di essere lì con lei, con lei sfogli i libri e aspiri l’odore buono della carta fresca di stampa. Un film che non vuole compiacere né banalizzare situazioni complesse e in cui, data l’epoca, il femminismo militante era ancora da venire. Ma il personaggio di Florence, che non si arrende di fronte alle ingiustizie e alle convenzioni e che fino all’ultimo combatterà per i diritti suoi e di tutte le donne (anche quelle in crescita come la bimba che l’aiuta in libreria), è emblema di coraggio e autenticità al femminile.
Miglior film spagnolo, vincitore di 3 premi Goya
La casa dei libri di Isabel Coixet – Spagna/Gran Bretagna/Germania 2017
La libreria di Penelope Fitzgerald – Ed. Feltrinelli (La memoria)

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design