• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Il tema della vita, della morte, di persone che tornano sulla terra dopo un viaggio nell’aldilà, è stato spesso trattato nelle opere cinematografiche: da “Il Paradiso può attendere” di Beatty a “21 grammi” di Inarritu, solo per citarne un paio tra i più famosi.
Il regista Daniele Luchetti (Il portaborse, La scuola, Anni felici) prende spunto da due libretti di Francesco Piccolo (Premio Strega 2014) e confeziona un film leggero, seppur denso nel suo significato, divertente, elegante nella forma e nella sostanza.
I “Piccoli momenti di trascurabile felicità” sono quelli che si rivivono quando si percepisce che la propria esistenza sta per finire e in un attimo, così si racconta – anche se nessuno lo sa per davvero – il passato ti si srotola davanti con immagini pregnanti e nostalgie struggenti di ciò che hai fatto, non hai fatto e avresti potuto fare. Questo se l’interprete della storia fosse un tipo normale, ma a interpretare Paolo c’è un personaggio lunare e bizzarro come Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif. Che, appunto, nella fase più topica della sua vita (o non vita) si pone interrogativi assurdi: Ma perché il taxi su cui salire non è mai il primo della fila? Ma la luce del frigorifero si spegne quando viene chiuso? Perché le donne restano sempre senza assorbenti? E via, via delirando.
In una Palermo caotica si muove, sempre in motorino, Paolo, ingegnere navale, tombeur de femmes, appassionato di calcio, con moglie e due figli adolescenti. Pigro e indolente di natura, ottimizza il suo tempo scansando problemi e responsabilità, sia in ambito lavorativo che famigliare. Anche se poi, in un preciso momento, è costretto a fare i conti e in fretta, con la sua esistenza. Con la parlata dolce e strascicata dei siciliani, Paolo imbastisce dialoghi surreali con se stesso e con tutti coloro che fanno parte della sua cerchia di affetti. In un caleidoscopio di immagini presenti e passate, il puzzle della sua vita si ricompone, o forse no, chissà. Il messaggio di questo piccolo film è che è inutile vivere pensando che non si debba morire mai, e che prima o poi qualcuno ti chiederà conto delle tue azioni. Ma il tutto è trattato con leggerezza e il castigo di un Dio inesorabile non è contemplato. Accanto a Pif, una bravissima Thony, interprete del delizioso “Tutti i santi giorni ” nella parte della moglie e l’ineguagliabile Renato Carpentieri in quella dell’Angelo custode.
[ Costanza Firrao ]
Momenti di trascurabile felicità di Daniele Luchetti – Italia 2019

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design