• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Sarajevo mon amour
Foto Paolo Messina

Non c’è più neve a Sarajevo, ma fa ancora freddo. Anche là gli uccelli sono tornati a cantare.

Sarajevo e la sua biblioteca andata in fumo con due milioni di libri: Aida, la bibliotecaria, non tornerà più indietro per salvarli.

Anni di assedio, una guerra in cui quelli che tu credevi fossero amici o buoni vicini hanno sparato anche sui più teneri dei tuoi figli; cecchini appostati sui tetti di case abbandonate, o cannoni da postazioni sicure.

 

Ha ricostruito ponti, Sarajevo, strade e mercati. Tanti ne hanno parlato, ma pochi sono davvero partiti fino a raggiungere la Milijacka infaticabile che l’attraversa; e in quegli anni, quando la città soffriva ed era davvero impervio entrarci, ancora meno quelli che tentarono.

Non ci sono viaggi comodi e voli low cost, di quelli che stai un fine settimana e scappi di nuovo credendo di aver visto tutto. È un viaggio che va pensato per svolgerlo dalla carta geografica alla strada.

Chi c’è stato quando Sarajevo soffriva e sanguinava, e chi ha saputo tornarci dopo senza spaventarsi per quelle ferite, ha detto che è una città bellissima. Possente metafora della miseria umana, della grandezza e della resurrezione di chi resiste, come una Pasqua laica dove non serve più chiedersi in quale cielo e sotto quale nome si è nascosto Dio.

Una parabola comune a tanti di noi vivi. Di noi che, nonostante tutto, della nostra solitudine abbiamo saputo farne roccaforte di gemme inestimabili.

 

Perciò siamo andati lì, io e la mia compagna a festeggiare i nostri quarant’anni, un’indovina per guida. Ci siamo stati in aprile, perché certe cose si capiscono solo ad aprile, quando uccelli e aruspici si fanno sazi di primavera.

 

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design