• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

“Le agenzie di rating servono a dare un voto ad azioni e obbligazioni di società e di Stati così da evitare agli investitori la fatica e i costi di valutarne in proprio i rischi, e pure le responsabilità che loro deriverebbero…” (Mucchetti sul Corsera). E’ vero: fare una scelta, esercitare responsabilità quando si devono padroneggiare moltissime informazioni, la cui raccolta e il cui vaglio sono per di più molto costosi è difficile, imbarazzante, perfino impossibile. Si cerca, allora, qualche scorciatoia per evitare troppi fastidi e troppi oneri. Non è problema solo delle assicurazioni, delle banche, dei fondi di investimento. Quante volte al giorno non lo facciamo anche noi? Quante sono, e quali sono le “agenzie di rating” alle quali ciascuno di noi si affida (si “fida”) nelle sue azioni quotidiane?
Così facendo, noi deleghiamo conoscenza e responsabilità; il potere diventa più concentrato ed arbitrario, la democrazia più precaria ed insicura.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design