Caricamento

Digita la ricerca

Venerdì in versi

Tishani Doshi, poesia per strappare il cielo

Tishani Doshi in uno scatto di Anna Toscano

Tishani Doshi in uno scatto di Anna Toscano

Poesia d’Amore

 

Alla fine, qualcosa ci farà
allontanare. Vorrei sperare in qualche grande
circostanza – la morte o un cataclisma.
Ma potrebbe anche non essere per niente così.
Potrebbe essere che tu esca
un mattino dopo aver fatto l’amore
per comprare le sigarette, e per non tornare più,
o che io m’innamori di un altro.
Potrebbe essere un lento abbandono all’indifferenza.
Ad ogni modo, dovremo imparare
a sopportare il peso dell’eventualità
che qualcosa ci farà allontanare.
Allora perché non cominciare adesso, mentre la tua testa
riposa come una luna perfetta nel mio grembo
e i cani guaiscono sulla spiaggia?
Perché non strappare il cielo
di questa notte indiana, solo un po’,
così che inizi la caduta? Poiché dopo, incontrandoci
per le strade, dovremo guardare
dall’altra parte, dopo aver gettato
i frammenti negletti del nostro essere insieme
nei cassetti della camera da letto, quando l’odore
dei nostri corpi sta svanendo come la dolce
marcescenza dei gigli – allora come lo chiameremo,
quando non sarà più amore?

 

“Poesia d’Amore” di Tishani Doshi letta da Anna Toscano

 

Tishani Doshi ha sperimentato e attraversato diverse forme di espressione artistica, la sua poesia riassume, come in condensazione, molti linguaggi provenienti da altre arti. È una poesia in cui entrano molti odori, sapori, paesaggi inusuali a un lettore occidentale, animali e persone; questa poesia è la mappatura del poeta che scruta alla tangibilità dell’esistenza non per trovare risposte a domande, motivazioni a misteri, ma per descrivere la realtà e riuscire a continuare a vivere con essa. Nel descrivere la realtà vissuta Doshi non trascura quegli anfratti del quotidiano faticosi e dolorosi, e quasi li rende sopportabili dando loro il suono di un canto, il movimento di una danza. Compaiono spesso fiori a restituire sensazioni “… avrò almeno questo / il luminoso soffocamento dei fiori, / il peso delle ore del giorno”. Una poesia salvifica, versi che danno una ragione per sopravvivere a “…il buco / nell’universo, / causato dall’emissione / del tuo dolore…”, consapevole che è il desiderio “che ci fa girare”, un desiderio dalle mille forme e sfumature come i “modi che ha la pioggia / per cadere / lenta / incessante / gentile / scrosciando / melanconica / calda”. Ciò che un domani finirà, assomiglierà alla “dolce marcescenza dei gigli”, quella quasi corporea nostalgia che porta ai nostri sensi odori e sensazioni appartenuti ad altri luoghi e ad altri momenti.

 

 

Tishani Doshi, Dolce marcescenza, 2015, Paramankeni Press, traduzione di Carlo Pizzati

 

Tags:
ANNA TOSCANO

Vive a Venezia, insegna presso l’Università Ca’ Foscari e collabora con altre facoltà. Scrive per testate, tra cui Il Sole24 Ore e Doppiozero. Sesta e ultima raccolta di poesie è Al buffet con la morte, La Vita Felice 2018, preceduta da Una telefonata di mattina, 2016, Doso la polvere, 2012; liriche, racconti e saggi sono rintracciabili in riviste e antologie; sua curatela di cataloghi e libri di poesie. Ha ideato e condotto la trasmissione radiofonica Virgole di poesia per Radio Ca’ Foscari e racconti sui suoi luoghi del cuore per Le Meraviglie di Rai Radio 3. Per la testata on-line La Rivista Intelligente cura Venerdì in versi. È stata editor per case editrici, lavorato come ufficio stampa; ha collaborato con varie scuole di scrittura e ha fondato “Lo Squero della parola”, laboratorio di scrittura. Come fotografa suoi scatti sono apparsi in riviste, manifesti, copertine di libri, mostre personali e collettive. Varie le esperienze teatrali, tra le quali “Voce di donna Voce di Goliarda Sapienza”. www.annatoscano.eu

  • 1

Ti potrebbe piacere

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *