• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Ci sono ricascata. Va così ogni santa volta. Il solito, annoiato zapping serale, la testa svuotata dalla giornata di lavoro, il divano: una combinazione letale. Non ricordo su quale dei troppi canali digitali sia andato in onda, ma non ho potuto resistere. Ho guardato la milionesima replica di Kramer vs Kramer (mannaggia a me). Per i pantaloni a zampa di Ted-Dustin Hoffman? Per quegli zigomi così teatrali e significativi? Per il volto magnificamente diafano di Joanna-Maryl Streep? Macché! È il bambino, che mi frega. Justin Henry, oggi affermato attore statunitense, in quel film impersonava Billy, il figlio della coppia scoppiata per antonomasia. Un nanerottolo dallo sguardo acceso e il profilo imbronciato sotto un caschetto di capelli biondi e lucenti. Bellissimo e bravo da far paura. La pellicola è del Settantanove. Avevo tre anni, quando apparve nelle sale cinematografiche.
Centocinque drammatici minuti di cose già viste, in tutti i sensi. Il film, le liti, le incomprensioni, le ripicche, i tribunali.
Ho lasciato scorrere le immagini, da perfetta masochista, trepidando nell’attesa di un finale che conosco a memoria. Potrei recitarne ogni singola battuta a occhi chiusi. I due ex coniugi si contendono il figlio. Il giudice affida il piccolo alla madre, nonostante abbia abbandonato il tetto coniugale per un anno e mezzo, lasciando bambino e marito al proprio destino. Ted non vuole che Billy subisca il trauma del processo d’appello e rinuncia alla custodia. Ma Joanna è Meryl Streep, per dindirindina!, mica un’inascoltabile attrice italiana qualunque! Riesce a sembrare credibile mentre, dopo aver spiegato (al più affranto Hoffman mai visto in tv) di aver compreso che Billy, con il papà «è già a casa», straziata, dice a Ted: «Io gli voglio bene, tanto. Non lo porto via con me».
Un bambino che resta tale, conteso perché amato profondamente da due genitori disposti a rinunciare al proprio orgoglio per il suo bene; non un pacco (bomba) postale, come accade nella realtà di tutti i figli separati. Non un grimaldello emotivo in carne e ossicini. Non la lama affilata di un coltello tornito nel ricatto.
Se vi capitasse, guardatelo. Seguite con un fil di fiato Joanna che sale in ascensore per salutare il bambino; e preparate i fazzoletti: il pianto a fontana è inevitabile. Forse perché ‘ste cose capitano giusto in uno stramaledetto, pluripremiato film americano. O magari perché la generosità è commovente.
O forse perché, nelle foto, i nostri genitori, con occhiali panoramici e stivaletti anni Settanta, continuano a fare una pessima figura.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design