• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Le case di Rudolf Nureyev
Disegno di Stefano Navarrini

 

Durante la sua carriera, Rudolf ebbe molte case. La prima la comprò a Parigi nel 1961, quando, alla fine di una tournée, chiese asilo politico in Francia: è affacciata sul Quai Voltaire e sul Louvre, Nureyev la stipò di opere d’arte. Poi una villa in Costa Azzurra, immersa nel verde e a picco sul Mediterraneo, lui che fino a ventitré anni non aveva mai visto il mare. Ancora una villa nel Mar dei Caraibi, a Saint Barthelemy, accanto alla spiaggia dei nudisti. Un attico a Montecarlo. Un lussuoso appartamento a Londra, a Richmond Park. Un altro a New York, nel Dakota Building, l’edificio dai tetti inclinati e i dettagli barocchi, dove i vicini di casa sono Lauren Bacall, Leonard Bernstein, John Lennon e Yoko Ono. In Virginia si innamora di un’antica magione di campagna, in stile georgiano: è lì che tiene un organo su cui, a orecchio, suona le fughe di Bach. Ma la casa che più ama – tre ville e una torre saracena – è quella de Li Galli, i quattro isolotti del piccolo arcipelago al largo della costa amalfitana: vivrei qui sempre, se non avessi impegni in tutto il mondo.
Muore nella casa più vissuta, quella di Parigi, il 6 gennaio del ‘93. Ho tante case, ma non ne ho nessuna, disse un giorno. La casa è il luogo dove c’è qualcuno che ti aspetta. La casa per me è il teatro, dove mi attende il mio pubblico. Forse per questo, Rudolf preferiva vivere in albergo.

 

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design